Davigo, l'ex pm del pool Mani Pulite indagato a Brescia per rivelazione del segreto d'ufficio

Sabato 17 Luglio 2021
Davigo, l'ex pm del pool Mani Pulite indagato a Brescia per rivelazione di segreto d'ufficio

L'ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d'ufficio. Secondo quanto scrive Il Corriere della Sera, a Davigo nell'aprile 2020 il pm Storari consegnò verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un'asserita associazione segreta, denominata Ungheria e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari andavano chiarite rapidamente, anziché a suo avviso relegate «in un limbo di immobilismo investigativo dai vertici della Procura».

Procura di Roma, stop a Prestipino ma il Csm punta alla nomina bis

Cms, Davigo: «Non ho fatto vedere i verbali a Morra». E minaccia querela a Renzi

Loggia Ungheria, Ermini e i verbali di Amara: «Erano irricevibili». Davigo smentisce la segretaria

Piercamillo Davigo, racconta «Il Corriere della Sera», era consigliere Csm sino al pensionamento nell'ottobre 2020, ex pm di Mani pulite e giudice di Cassazione. A Davigo nell'aprile 2020 il pm Storari consegnò (in formato word non firmato) i verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso (appunto a Storari e al procuratore aggiunto Laura Pedio) su un'asserita associazione segreta, denominata Ungheria e condizionante. L'11 maggio scorso in tv a Di Martedì Davigo spiegò che Storari gli aveva ®segnalato una situazione critica e dato il materiale necessario per farmi un'opinione, dopo essersi accertato che fosse lecito. Io spiegai che il segreto investigativo, per espressa circolare del Csm, non è opponibile al Csm¯. Circa l'impasse in Procura a Milano, per Davigo il problema era «che, quando uno ha dichiarazioni che riguardano persone in posti istituzionali importanti, se sono vere è grave, ma se sono false è gravissimo: quindi, in un caso e nell'altro, quelle cose richiedevano indagini tempestive. Mi sembrava incomprensibile la mancata iscrizione». Per Davigo, «la necessità di informare in maniera diretta e sicura i componenti del Comitato di presidenza Csm (perché questo dicono le circolari»). L'ex pm di Mani Pulite ne aveva parlato, «in misura e in momenti diversi, quantomeno al vicepresidente Csm Ermini; agli altri due membri del Comitato, il procuratore generale e il presidente della Cassazione, Giovanni Salvi e Pietro Curzio; nonché (per spiegare i propri raffreddati rapporti con il consigliere Ardita evocato da Amara) ad alcuni consiglieri Csm e all'onorevole Morra, presidente dell'Antimafia».

Ultimo aggiornamento: 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA