Dimissioni Draghi, le reazioni. Pd: «Al lavoro per ricreare maggioranza». Meloni: «Legislatura finita». Lega: «Italia vittima del M5s»

Il Presidente della Repubblica non ha accolto le dimissioni e ha invitato il presidente del Consiglio a presentarsi al Parlamento

Dimissioni Draghi, le reazioni. Pd: «Al lavoro per ricreare maggioranza». Meloni: «Legislatura finita». Lega: «Noi leali»
Dimissioni Draghi, le reazioni. Pd: «Al lavoro per ricreare maggioranza». Meloni: «Legislatura finita». Lega: «Noi leali»
Giovedì 14 Luglio 2022, 19:53 - Ultimo agg. 15 Luglio, 00:12
4 Minuti di Lettura

«Voglio annunciarvi che questa sera rassegnerò le mie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica. Le votazioni di oggi in Parlamento sono un fatto molto significativo dal punto di vista politico». Così il premier Mario Draghi ha annunciato in Cdm la sua intenzione di dimettersi dal governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica non ha accolto le dimissioni e ha invitato il presidente del Consiglio a presentarsi al Parlamento per rendere comunicazioni, affinchè si effettui, nella sede propria, una valutazione della situazione che si è determinata a seguito degli esiti della seduta svoltasi oggi presso il Senato della Repubblica.

 

Pd: «Al lavoro per ricreare maggioranza»

Immediate le reazioni della politica italiana. A partire dal Pd, che in una nota scrive: «Ora solo al lavoro perché mercoledì alle Camere si ricrei la maggioranza e il Governo Draghi possa ripartire. Il Paese piomba in una crisi gravissima che non può permettersi». Enrico Letta ha twittato: «Ora ci sono cinque giorni per lavorare affinché il Parlamento confermi la #fiducia al Governo Draghi e l'Italia esca il più rapidamente possibile dal drammatico avvitamento nel quale sta entrando in queste ore».

Meloni: «Legislatura finita»

Giorgia Meloni, sul palco della festa dei Patrioti a Palombara Sabina, ha commentato: «Non accettiamo scherzi, per FdI questa legislatura è finita e daremo battaglia perché si restituisca ai cittadini quello che tutte le democrazie hanno e cioè la libertà di scegliere da chi farsi rappresentare per fare cosa». E ha aggiunto: Fratelli d'Italia è già concentrata, da ieri non da oggi, a battere il Pd di Enrico Letta, noi vogliamo combattere il Pd e, a buon intenditore poche parole, speriamo che questa sia anche la priorità degli altri partiti del centrodestra. Speriamo che ci aiutino a centrare questo obiettivo».

Lega: «Noi leali, costruttivi e generosi»

«La Lega è stata leale, costruttiva e generosa per un anno e mezzo, ma da settimane il presidente Draghi e l'Italia erano vittime dei troppi No del Movimento 5 Stelle e delle forzature ideologiche del Partito democratico. La Lega, unita e compatta anche dopo le numerose riunioni di oggi, condivide la preoccupazione per le sorti del Paese: è impensabile che l'Italia debba subire settimane di paralisi in un momento drammatico come questo, nessuno deve aver paura di restituire la parola agli italiani». Così la Lega in una nota ufficiale.

 

Renzi: «Draghi ha fatto bene»

Matteo Renzi ha twittato: «Draghi ha fatto bene, rispettando le Istituzioni: non si fa finta di nulla dopo il voto di oggi. I grillini hanno fatto male al Paese anche stavolta. Noi lavoriamo per un Draghi-Bis da qui ai prossimi mesi per finire il lavoro su PNRR, legge di Bilancio e situazione ucraina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA