Centrodestra, oggi il vertice: tensione sul nome del candidato premier. E Rossella Sessa lascia Forza Italia

La deputata campana ringrazia Silvio Berlusconi e lascia: «Rischiano di interrompersi investimenti mai visti negli ultimi vent'anni»

Centrodestra, oggi il vertice: tensione sul nome del candidato premier. E Rossella Sessa lascia Forza Italia
Mercoledì 27 Luglio 2022, 10:31 - Ultimo agg. 19:11
3 Minuti di Lettura

Un'altra deputata lascia Forza Italia. È Rossella Sessa che segue così l'esempio di Mara Carfagna. E così aumentano le defezioni nel partito fondato da Silvio Berlusconi. Dopo i parlamentari Elio Vito, Renato Brunetta, Mariastella Gelmini, Mara Carfagna, Giusy Versace, Andrea Cangini, Roberto Caon e l'assessore lombardo Alessandro Mattinzoli ecco un altro addio.

«Lascio con rammarico politico e sofferenza personale il gruppo di Fi: da oggi sarò nel gruppo Misto. È una decisione meditata, necessaria dopo la decisione di interrompere il sostegno al governo Draghi. Sarò sempre riconoscente a Berlusconi per le opportunità che mi ha dato, ma resto convinta che la crisi determinata dalle scelte del partito, e soprattutto dei suoi alleati, vada contro gli interessi del mondo moderato, delle imprese, dei cittadini del Mezzogiorno dove rischiano di interrompersi investimenti mai visti negli ultimi vent'anni». Lo annuncia la deputata Rossella Sessa.

 

Giusy Versace lascia Forza Italia: «Incompatibilità di valori». Addio anche di Baroni: non c'è spazio per i moderati

Renato Brunetta e l'addio a Forza Italia: «Ha tolto la fiducia al governo e quindi anche a me, sono addolorato»

Tensione nel centrodestra, oggi il vertice

Sulla reunion del centrodestra nel pomeriggio, 71 giorni dall'ultima volta - era il 17 maggio e i big dei tre partiti pranzarono insieme ad Arcore, ma finirono per litigare sulle amministrative - pesa ora il macigno della premiership. A Giorgia Meloni che non molla la presa sulla regola aurea per cui il candidato premier lo sceglie chi incassa più voti nella coalizione, Forza Italia oppone disinteresse. «E' un tema che non mi appassiona», smonta la questione Silvio Berlusconi.

Difficile però immaginare che la presidente di Fratelli d'Italia si accontenti e ceda. Più probabile è che ogni partito indichi il proprio candidato, prima del 25 settembre. Poi, il verdetto finale verrà dalle urne. Al tavolo, dalle 17, sono invitati anche i "centristi" di Udc e Noi con l'Italia. Stessa squadra riunita finora a Villa Grande, insomma, ma con Meloni a fare la differenza. In primis sulla location: niente più ville private, era la sua richiesta e l'ha spuntata. Stavolta ha vinto il terreno neutro e istituzionale di Montecitorio, e probabilmente saranno tutti nella sala più grande di cui dispone la Lega lì. Per Berlusconi sarà il gran ritorno dal 9 febbraio, quando superato il Covid venne a incontrare Mario Draghi e salutò il presidente incaricato ed ex banchiere con un "Ciao ciao". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA