​David di Donatello, show di Geppi Cucciari al Quirinale. Mattarella: «Il cinema importante per il paese»

David di Donatello, show di Geppi Cucciari al Quirinale. Mattarella: «Il cinema importante per il paese»
​David di Donatello, show di Geppi Cucciari al Quirinale. Mattarella: «Il cinema importante per il paese»
Mercoledì 27 Marzo 2019, 13:25 - Ultimo agg. 16:07
4 Minuti di Lettura

«La dimensione industriale del cinema, la sua valenza economica e produttiva hanno grande importanza per il sistema-paese. È una dimostrazione ulteriore di quanto valga e di quanto pesi la cultura nello sviluppo di una società moderna. Chi sostiene che la cultura non ha a che fare con l'economia non è un vero economista». Così stamani il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Quirinale alla presentazione delle cinquine dei premi David di Donatello che verranno consegnati stasera a Roma in diretta tv su Rai1 con la conduzione di Carlo Conti. Un discorso, quello del presidente tutto nel segno del cinema come industria e come opportunità, e questo anche verso «le nuove piattaforme». Una cerimonia dei David - presente anche il ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli - comunque nel segno sia del divertimento che della melanconia. Mai infatti tante risate nei saloni del Quirinale grazie alla scoppiettante Geppi Cucciari che, per nulla intimorita dall'austera location, dopo aver manifestato più volte l'amore e la riconoscenza verso il nostro presidente considerato da tutti gli italiani 'come un vero super-eroe' lo appella alla fine 'Full Metal Sergiò. Un pò di malinconia arriva alla cerimonia dall'allestimento di video-wall (è la prima volta che accade) dove sono passate prima le immagini della lunga storia del premio (siamo alla 64/ma edizione) e poi una sorta di memorial (come accade nella cerimonia dell'Oscar) con gli artisti recentemente scomparsi: si va da Ermanno Olmi a Carlo Vanzina, da Ennio Fantastichini a Bernardo Bertolucci e Pino Caruso.

Mattarella a Xi: «Dialogo sui diritti, Via della Seta strada a doppio senso»

Dopo l'intervento di Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell'Accademia del Cinema Italiano, sono arrivate le testimonianze di Francesca Lo Schiavo e Dario Argento, vincitori del David Speciale 2019, e quella del regista americano Tim Burton che ha appena presentato a Roma il suo ultimo film, Dumbo, e che stasera riceverà il premio alla carriera (David for Cinematic Excellence 2019) dalle mani di Roberto Benigni. Anche Uma Thurman, attrice icona di Quentin Tarantino, sarà negli studi presente alla cerimonia di consegna dei David di Donatello per ricevere il premio speciale. Alla cerimonia di premiazione stasera ci sarà anche il premio Oscar Alfonso Cuarn che ritirerà il David per il miglior film straniero andato a Roma. Andrea Bocelli poi interpreterà Nelle Tue Mani duettando con il figlio Matteo in «Fall On Me». Sul palco, tanti protagonisti del cinema italiano, oltre i tantissimi candidati: fra gli altri, Stefano Accorsi, Stefania Sandrelli, Raoul Bova, Isabella Ferrari, Enrico Brignano e Serena Rossi. Infine, per quanto riguarda le candidature di questa edizione, Dogman di Matteo Garrone è al top con quindici. Gli tiene testa solo Mario Martone con il suo Capri-Revolution che si attesta a 13 candidature (manca però quella di miglior film), seguono poi, con 12 candidature ciascuna, Loro di Paolo Sorrentino e Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino e, subito dopo, con nove Lazzaro Felice e Sulla mia pelle rispettivamente di Alice Rohrwacher e Alessio Cremonini (entrambi in corsa anche nella categoria miglior film). Due donne poi sono in corsa per la regia e miglior film, oltre Lazzaro Felice c'è anche Euforia di Valeria Golino. Per i più curiosi a partire dalle 20, in diretta su Rai Movie, andrà in onda il red carpet con Livio Beshir. Dalle 21 Rai Radio2, radio ufficiale dei David di Donatello, trasmetterà in diretta nel programma Gli Sbandati di Radio2, in contemporanea con Raiuno.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA