Green pass e obbligo vaccini, il (doppio) passo indietro di Salvini che evita lo scontro con Draghi

Sabato 4 Settembre 2021 di Francesco Malfetano
Green pass e obbligo vaccini, il (doppio) passo indietro di Salvini che evita lo scontro con Draghi

Stavolta tra Draghi e Salvini ad evitare lo scontro potrebbe essere il secondo. Il leader leghista infatti, al netto del voto contrario del Carroccio in commissione Affari sociali, cercherà di fare in modo che sul Green pass non venga imposta la fiducia. In quel caso infatti, «il senatore Salvini» come lo ha chiamato il premier in conferenza stampa giovedì per solcare una netta distinzione con i componenti del governo, si ritroverebbe con le spalle al muro. Chiuso in quella strada senza uscita in cui si è infilato per rincorrere quella parte del suo elettorato che altrimenti stirizza l'occhio all'opposizione della Meloni e, soprattutto, l'anima "borghiana" del partito. Un cul de sac da cui ora però il segretario di via Bellerio punta ad uscire con la più classica delle mosse: chiedere tempo e piazzare bandierine. Strategia questa, che ovviamente fa comodo all'intero esecutivo che, di fatto, incassa una nuova vittoria senza neanche aver giocato la partita. Draghi ha semplicemente portato il pallone a casa avallando in un solo colpo l'estensione del pass a nuove categorie, la possibilità di un obbligo vaccinale e la terza dose. Addirittura dettando già una roadmap.

 

Green pass, Salvini dice no (ma la Lega si divide). M5S in pressing su Draghi: no forzature

Lega, due fasi già in atto

Ed è per questo che le due fasi del piano leghista, data l'urgenza dettata dal pragmatismo dell'ex numero uno della Bce sulla certificazione verde e le vaccinazioni, sono praticamente già in corso d'attuazione. Il primo passaggio lo ha formalizzato ieri il capogruppo della Lega Molinari chiedendo al ministro D'Incà, titolare dei Rapporti con il Parlamento, che il governo eviti il voto di fiducia alla Camera. Perché? Per ritagliarsi lo spazio necessairo per avanzare delle proposte più o meno plausibili, che gli consentano di tenere i piedi sia nella scarpa del governo che in quella degli elettori («ne ho sentiti tanti dubbiosi ques'estate in spiaggia» ha ribadito ieri l'ex ministro degli Interni). La corsa contro il tempo di Salvini si è quindi concretizzata oggi con una lista di 5 punti elaborata dallo stesso segretario assieme ai governatori leghisti (Massimiliano Fedriga, Attilio Fontana, Maurizio Fugatti, Christian Solinas, Nino Spirlì, Donatella Tesei, Luca Zaia).

Green pass, Salvini dice no (ma la Lega si divide). M5S in pressing su Draghi: no forzature

Una serie di obiettivi in cui la netta opposizione al Green pass o all'obbligatorietà del vaccino risulta decisamente annacquata. Si va dalla promozione della campagna vaccinale, evidenziando l'incremento delle adesioni e «salvaguardando la libertà ed evitando obblighi o costrizioni che potrebbero servire solo in via eccezionale per alcune categorie specifiche», fino alla proposta di utilizzare il Pass per «favorire aperture in sicurezza a partire dai grandi eventi, ma senza complicare la vita agli italiani». Non solo, in bella mostra anche la richiesta di tamponi gratuiti per alcune categorie (per concedere agevolmente la certificazione a minori che fanno sport o persone che non possono vaccinarsi), e pure la possibilità - sostanzialmente con già in tasca l'ok di Draghi - di usare anche ai tamponi salivari molecolari come test utili per ottenere il Green pass. Infine, e qui sta un indizio su quale sarà la battaglia successiva di Salvini: «estensione dell'utilizzo degli anticorpi monoclonali prescrivibili anche dal medico di medicina generale». Una pratica già in essere e in crescita (+30% in estate), che però darà modo alla Lega di mostrarsi vincitrice quando questo trend continuerà.

Green pass, obbligo per entrare in azienda. Dalle palestre ai treni, cosa cambierà a ottobre

In altre parole, nel giro di tre o quattro giorni, sembrano rientrate tutte le criticità che sembravano avrebbero potuto mettere in qualche modo in dubbio l'esistenza stessa del governo. Un'ipotesi questa, che in tutta evidenza e per ammissione dello stesso Salvini, non è però affatto sul tavolo. E stavolta non c'è neanche stato bisogno di pontieri che ricostruissero un canale all'interno della maggioranza. È bastata la fermezza di Draghi. 

Comunali a Roma, tutti i nomi in lista. Duemila in corsa: alle 12 scadono le candidature

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA