Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MARIO DRAGHI

Lockdown, nuovo decreto sino a maggio: stop movida alle 15, verso il giallo rinforzato

Giovedì 25 Marzo 2021 di Mauro Evangelisti
Lockdown, nuovo decreto sino a maggio: stop movida alle 15, verso il giallo rinforzato

ROMA - 23.696: comincerà da questo numero la riunione della cabina di regia - Mario Draghi con i capidelegazione di tutti i gruppi di maggioranza - che deve decidere i contenuti del nuovo decreto sulle misure di contenimento dell’epidemia. Quella cifra esprime i casi positivi registrati ieri, insieme ai 460 decessi per Covid e ai 32.044 posti letto occupati. Raccontano che la discesa della curva c’è, ma è lenta: di fronte alla variante inglese ormai predominante gli effetti delle fasce rosse sono annacquati. Dunque - è la tesi del Comitato tecnico scientifico su cui si ritrova anche la linea della prudenza sostenuta dal ministro della Salute, Roberto Speranza - aprire con troppa leggerezza il 7 aprile, soprattutto se si vogliono fare tornare a scuola i bambini anche in zona rossa, è un azzardo.

Lazio arancione, scuole aperte. Lombardia rossa, altro stop. Toscana verso la chiusura,

Scenario

In un Paese con 562mila positivi offrire un altro trampolino al virus, quando ancora non sono stati protetti con il vaccino gli anziani, è pericoloso. Tra i rigoristi sono indicati anche Franceschini (Pd) e Patuanelli (M5S). Ma per la verità anche la ministra Mara Carfagna (Forza Italia) ieri a Porta a Porta ha spiegato: «Non si può ignorare una catastrofe sanitaria che ha conseguenze drammatiche dal punto di vista economico e sociale. Prematuro parlare di riaperture, bisognerà vedere come evolve la curva dei contagi nei prossimi giorni». Un’altra parte della maggioranza, a partire dalla Lega, continua a ripetere che aprile deve essere il mese della ripartenza e della riapertura. Non sarà facile per Draghi individuare a una sintesi.

Covid Italia, bollettino 25 marzo 2021: 23.696 nuovi casi e 460 morti. Tasso di positività sale al 6,8%

Lo scenario all’orizzonte è di compromesso: mantenere anche dopo Pasqua, per almeno due settimane, la sospensione della fascia gialla, facendo ballare le Regioni, a seconda dell’andamento del contagio, tra arancione e rosso. Solo in situazioni straordinarie di bassissima diffusione del virus, come già avvenuto in Sardegna, può essere previsto il bianco. Prosegue il divieto dello spostamento tra Regioni. Torneremo a rivedere il “giallo” solo nella terza decade di aprile, ma c’è chi chiede comunque di rendere più severe le misure anche per questo colore: maggiore rigore nei week-end e limitazioni che scoraggino gli aperitivi del tardo pomeriggio, anticipando le chiusure di ristoranti e bar (oggi previste alle 18 in fascia gialla) di qualche ora. Se questi saranno i pilastri principali del decreto, si andrà a ripetere lo schema del primo lockdown del 2020, che si concluse a maggio quando in Italia c’era un quinto di persone positive rispetto a oggi (ma la capacità di testare e intercettare i casi asintomatici era molto più limitata), mentre i ricoverati erano più o meno quelli attuali.

Lazio, se diventa zona arancione dal 29 marzo tutte le scuole aperte: in dad solo le superiori

Differenze

La differenza rispetto ad allora è rappresentata dai vaccini, arma che allora non esisteva e che oggi viene dialetticamente usata all’interno del governo sia dai sostenitori della linea del rigore sia dagli “aperturisti”. Ieri si è toccata quota 250.000 iniezioni. La tesi di chi consiglia prudenza, a partire da Speranza, è semplice: non prendiamoci dei rischi inutili, vista la ferocia delle varianti, resistiamo almeno fino a maggio, quando il numero degli immunizzati sarà molto più alto; allo stesso modo, chi preme per le riaperture, ripete che la formula delle zone rosse da sola non basta, bisogna vaccinare molto di più e restituire la libertà agli italiani. Dal Pd l’ex ministro agli Affari regionali, Francesco Boccia: «Mentre gli ospedali di molte Regioni sono allo stremo, c’è qualche politico irresponsabile che vuole riaprire tutto e subito. A volte, con alcuni politici che dicono che va tutto bene, sembra ci sia un clima quasi da orchestra del Titanic». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 17:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA