Maternità surrogata, la Cei: «Pratica inumana, mercifica il corpo della donna»

Per il Vaticano e la Cei si tratta di una «pratica inumana» in cui bambini sono trattati come fossero merce o prodotti d'allevamento

Maternità surrogata, la Cei: «Pratica inumana, mercifica il corpo della donna»
Maternità surrogata, la Cei: «Pratica inumana, mercifica il corpo della donna»
Franca Giansoldatidi Franca Giansoldati
Giovedì 23 Marzo 2023, 13:52 - Ultimo agg. 22:49
3 Minuti di Lettura

Città del Vaticano – Sull'utero in affitto la condanna ferma, rigorosa e netta della Chiesa non è mai cambiata e va inevitabilmente nella direzione delle proposte di legge di Fratelli d'Italia. Per il Vaticano e la Cei si tratta di una «pratica inumana» in cui bambini sono trattati come fossero merce o prodotti d'allevamento. A ribadire la posizione assunta da tutti i pontefici (compreso Papa Francesco) sono i vescovi italiani che stamattina hanno commentato il dibattito politico di queste ultime settimane.

Roccella: «Maternità surrogata è un mercato di bambini». Lo scontro con Lucia Annunziata a Mezz'ora in più, poi le scuse

La Cei: problema universale

In pratica per i cattolici bisognerebbe rendere la maternità surrogata un crimine perseguito universalmente. «Per noi è un problema universale» ha sintetizzato monsignor Giuseppe Baturi, segretario generale della Cei, al termine del Consiglio episcopale permanente.

Il presule, pur sottolineando che la discussione sul punto non è stata oggetto della discussione in Consiglio («non siamo entrati nel merito»), ha chiarito la evidente «mercificazione» del corpo di quelle donne che in condizioni di povertà sono costrette ad affittare il proprio utero e portare avanti una gravidanza per denaro, per poi consegnare il figlio gresciuto in gremo a terzi, come se fosse un pacco. 

Maternità surrogata, reato universale: cosa dice la proposta di legge FdI e perché mette in difficoltà Schlein

I bambini hanno «diritto al futuro, all'integrazione» e che per quanto riguarda i diritti dei figli delle coppie omosessuali «non può essere tutto ridotto a motivo di propaganda». Baturi chiarisce che «ciò che preoccupa è fare di temi così delicati motivi di propaganda, con l'uso di slogan». Resta «la necessità di approntare strumenti capaci di dare dignità alle persone» ma il tema è sugli «strumenti giuridici. Se invece si ricorre a strappi si rischia di dimenticare il problema». Per l'arcivescovo di Cagliari è anche sbagliato confondere la questione delle trascrizioni con il tema dell'utero in affitto: «Non è sovrapponibile, la gran parte dei casi riguardano coppie eterosessuali». 


Lettera a Conte per bloccare pubblicità per l'utero in affitto, appello da Associazione Famiglie e Scienza e Vita

Le mosse del governo

Su questo frangente la Chiesa sembra appoggiare senza alcun dubbio la posizione assunta da Fratelli d'Italia che ha ribadito anche in questa legislatura il suo impegno contro la pratica dell'utero in affitto. Al momento esistono due proposte di legge, una alla Camera e una al Senato, affinché la maternità surrogata venga dichiarata reato universale e quindi perseguita non soltanto se praticata in Italia, come accade già adesso, ma anche se praticata all'estero. Domani in commissione Giustizia della Camera la proposta di legge inizia il suo iter. 


In Vaticano la famiglia è solo quella tradizionale, ma in Germania un vescovo predica: «È quella in cui le persone vivono con i figli»

© RIPRODUZIONE RISERVATA