Renzi lascia il Pd, il gelo di Palazzo Chigi: «Scelta dei tempi singolare»

Renzi, Conte perplesso per la scissione: «Scelta tempi singolare»
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 96
Palazzo Chigi esprime «perplessità» per la scissione di Renzi. Questo trapela da fonti del governo che riportano il pensiero del premier Giuseppe Conte. E mentre il segretario dem Nicola Zingaretti definisce un errore l'addio al partito dell'ex presidente del Consiglio, Luigi Di Maio derubrica la questione a un fatto interno al Pd: «Per noi - dice - non è un problema». 

Zingaretti: scissione Renzi un errore e ci dispiace ma ora pensiamo agli italiani
Renzi, Di Maio: scissione Pd non è un problema, andiamo avanti

«Il presidente Conte, nel corso della telefonata ricevuta ieri sera da Matteo Renzi, ha chiarito di non volere entrare nelle dinamiche interne a un partito. Ha però espresso le proprie perplessità su una iniziativa che introduce negli equilibri parlamentari elementi di novità, non anticipati al momento della formazione del governo. A tacer del merito dell'iniziativa, infatti, rimane singolare la scelta dei tempi di questa operazione, annunciata subito dopo il completamento della squadra di governo», sottolineano fonti di Palazzo Chigi.

«Se portata a compimento prima della nascita del nuovo esecutivo, questa operazione, niente affatto trascurabile, avrebbe assicurato un percorso ben più lineare e trasparente alla formazione del governo. Il Presidente incaricato avrebbe potuto disporre di un quadro di riferimento più completo per valutare la sostenibilità e la percorribilità del nuovo progetto di governo che ha presentato al Paese», spiegano da Palazzo Chigi. «Le considerazioni del Presidente del Consiglio si fermano qui. Virgolettati o ragionamenti che in questo momento vengono attribuiti dai mezzi di informazione al Presidente Conte sono destituiti di ogni fondamento», sottolineano le stesse fonti.

Salvini: scissione Pd una storia annunciata, Renzi è il nulla

Scissione Pd, la svolta di Renzi e i paragoni storici

«Nessuna sorpresa. Di certo per noi non rappresenta un problema, anche perché le dinamiche di partito non ci sono mai interessate. Lavoriamo per gli italiani, solo a loro dobbiamo dare risposte», dice il leader del M5S, Luigi Di Maio. «Ogni singolo eletto del M5S ha un solo obiettivo, risolvere le problematiche dei cittadini. E ora che il governo è al completo dobbiamo lavorare con serietà e determinazione e portare a casa altre importanti misure per il Paese come il taglio dei parlamentari».
 
Martedì 17 Settembre 2019, 12:27 - Ultimo aggiornamento: 17-09-2019 20:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP