Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Riforma giustizia approvata alla Camera: dalla separazione delle carriere (per 10 anni) alle candidature senza lista per il Csm

I magistrati che hanno ricoperto cariche elettive non possono più tornare a svolgere alcuna funzione giurisdizionale

Martedì 26 Aprile 2022
Riforma giustizia approvata alla Camera: dalla separazione delle carriere (per 10 anni) alle candidature senza lista per il Csm

Approvata alla Camera la riforma del Consiglio superiore della magistratura. Ora la norma andrà al Senato. Cosa prevede? Stop alle porte girevoli tra politica e magistratura; separazioni delle funzioni; un sistema elettorale misto per l'elezione dei consiglieri togati del Csm che però non prevederà il sorteggio dei collegi; nuove regole per evitare le 'nomine a pacchetto' per i capi degli uffici. Queste le principali novità.

Con 328 sì, 41 no e 25 astenuti, i deputati di Italia Viva che sugli ordini del giorno votano contro il governo, la Camera approva la riforma dell'ordinamento giudiziario che ora passa al Senato. Contro il testo hanno votato Fdi e Ac. Se Fi e M5S votano a favore pur sottolineando che questa «non è la nostra riforma», il ministro della Giustizia Marta Cartabia definisce il testo approvato a Montecitorio «la riforma migliore possibile, ben consapevoli che tutto è perfettibile». È «un primo passo, un passo importante» anche per il vicepresidente del Csm David Ermini che parla di «una riforma sicuramente necessaria e urgente, non solo per segnare il cambio di passo rispetto al passato, ma soprattutto per dare compiutezza all'ampio percorso riformatore della giustizia avviato in questi anni». Ora la palla passa al Senato, dove il percorso può essere insidiato da Iv, in considerazione dei numeri più ridotti su cui la maggioranza può contare a Palazzo Madama rispetto a Montecitorio. La Lega, fa sapere la senatrice Giulia Bongiorno, proporrà correzioni in Aula per «frenare le degenerazioni del correntismo». 

Toghe e scioperi/ Il Sistema Italia e il prestigio dei giudici

 

Cosa cambia

IL CSM - Il sistema elettorale sarà misto, binominale con quota proporzionale. Nel passaggio in Aula è saltato il sorteggio dei distretti di Corte d'Appello per formare i collegi, che era stato inserito in commissione. Non sono previste liste. Il sistema di basa su candidature individuali: ciascun candidato presenta la sua candidatura senza necessità di promotori. Dovranno esserci un minimo di 6 candidati in ogni collegio binominale, di cui almeno la metà del genere meno rappresentato. Se non arrivano candidature spontanee o non si garantisce la parità di genere, ci sarà un sorteggio per arrivare al minimo dei candidati previsti.

LE NOMINE - Cambiano le regole per l'assegnazione degli incarichi direttivi e semidirettivi. il Csm dovrà procedere alle nomine in base all'ordine cronologico delle scoperture. Vengono introdotte norme di trasparenza: saranno pubblicati online gli atti e i curriculum. Inoltre si prevede l'obbligo di audizione obbligatoria di non meno di 3 candidati per il posto da assegnare.

Csm, si sblocca la riforma: sì al fascicolo sui giudici. Maggioranza (quasi) unita

STOP ALLE PORTE GIREVOLI - C'è il divieto di esercitare in contemporanea funzioni giurisdizionali e ricoprire incarichi elettivi e governativi, sia per cariche elettive nazionali e locali, sia per gli incarichi di governo nazionali/regionali e locali. A fine mandato, i magistrati che hanno ricoperto cariche elettive non possono più tornare a svolgere alcuna funzione giurisdizionale: i magistrati ordinari vengono collocati fuori ruolo presso un ministero o presso Consiglio di Stato, Corte dei Conti e Massimario della Corte di cassazione, con funzioni non giurisdizionali. Il magistrato che si è candidato ma non è stato eletto per tre anni non potrà tornare a lavorare nella regione in cui ha corso per una carica elettiva. Con i decreti attuativi sarà anche ridotto il numero massimo di magistrati fuori ruolo, che oggi sono 200.

LIMITI AI PASSAGGI DI FUNZIONE - Sarà possibile un solo passaggio di funzione tra requirenti e giudicante nel penale entro i 10 anni dall'assegnazione della prima sede.

IL FASCICOLO PERSONALE - Attualmente, ad ogni valutazione di professionalità (ogni 4 anni), il magistrato deve inviare al Consiglio giudiziario - e poi al Csm - provvedimenti a campione sull'attività da lui svolta e statistiche relative alle attività proprie e comparate a quelle dell'ufficio di appartenenza. Con la riforma, si prevede l'implementazione annuale (non più ogni 4 anni) di questa misura. Il fascicolo contiene dati, non valutazioni di merito: la ratio, viene spiegato, è quella di una fotografia complessiva del lavoro svolto dal magistrato, non un giudizio sui singoli provvedimenti.

Referendum, Corte Costituzionale approva 5 quesiti su 8

Ultimo aggiornamento: 20:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA