BEPPE GRILLO

Rocco Casalino, nuovo contratto di lavoro con M5S: ecco che cosa fa

Giovedì 1 Luglio 2021 di Stefania Piras
Conte, torna anche Rocco Casalino alla Camera: consulenza già attiva da un mese

Che Giuseppe Conte fosse pronto a  prendere il comando delle truppe del M5s lo dimostra anche il fatto che Rocco Casalino, il portavoce dell'ex premier Conte, sia già attivo alla Camera con un contratto di collaborazione da un mese scarso. Contratto che ora, visto il caos imperante, potrebbe essere messo in stand by. Per realizzare lo switch completo da Grillo a Conte, serviva un imprinting politico, e quindi negli usi e costumi grillini, comunicativo. Chi meglio di Rocco Casalino a guidare la comunicazione del nuovo corso? C'è solo un problema: il nuovo corso tarda ad arrivare e forse non arriverà. Sono ore molto complicate dentro il Movimento 5 stelle che sperava di potersi affidare alla leadership di Conte senza passaggi traumatici. E invece Beppe Grillo, che alla Camera continuano a definire "una figura carismatica e fondamentale per noi della prima ora", è andato allo scontro e ha detto che Conte non è in grado di guidare la sua creatura, cioè il Movimento 5 stelle. 

 

Rocco Casalino, nuovo contratto

 

Dal direttivo del gruppo a Montecitorio, e dall'ufficio comunicazione, smentiscono seccamente che il contratto di Casalino sia vicino alla disdetta. Altri, sempre alla Camera, ribadiscono che la sua preziosa consulenza potrebbe subire comunque uno stop in attesa degli eventi. E gli eventi, come da manuale della democrazia diretta in pieno stile Restaurazione imboccato nelle ultime ore dal Padre-Garante-Elevato-Fondatore Grillo, dicono che entro 24 ore deve essere indetta la votazione online per scegliere i nuovi leader del M5s. 

 

Conte prepara il suo partito: «Il mio progetto non resterà in un cassetto, i cittadini sono con me»

 

Chi è Rocco Casalino

 

È ingegnere e giornalista professionista. Nato in Germania nel 1972, i suoi genitori sono migranti di origini pugliesi. Si laurea all'Alma Mater di Bologna in ingegneria elettronica e diventa famoso perché partecipa alla prima edizione del Grande Fratello, quello con Pietro Taricone e Marina La Rosa. partecipa alla prima edizione del Grande Fratello. Nel 2011 si avvicina al Movimento 5 Stelle, si candida anche alle elezioni regionali lombarde nel 2013. Ma il suo destino è un altro: spin doctor. In quell'anno diventa capo della comunicazione dei parlamentari 5 Stelle. Poi nel 2018 diventa portavoce del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Questa esperienza lo porterà anche a scrivere un libro con Mondadori, "Il portavoce, la mia storia", in cui si lascia andare e racconta aspetti anche molto intimi, come la sua omosessualità. 

 

Questo è il curriculum pubblicato sulla pagina istituzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri quando assunse l'incarico di portavoce di Giuseppe Conte. 

Grillo soft: «Non sono un padre-padrone». Il blitz per il direttorio

 

Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 15:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA