Sciopero generale 17 novembre, cosa può succedere con la precettazione? Quali servizi sono garantiti e quali no

Landini (Cgil): «Abbiamo esentato il trasporto aereo e portato a quattro ore dalle 9 alle 13 quello dei vigili del fuoco». Il ministro Salvini: «Il diritto allo sciopero è sacrosanto, bloccare un intero Paese per 24 ore non è ammissibile»

Sciopero generale 17 novembre, cosa può succedere con la precettazione? Quali servizi garantiti e quali no
Sciopero generale 17 novembre, cosa può succedere con la precettazione? Quali servizi garantiti e quali no
di Riccardo Palmi
Martedì 14 Novembre 2023, 11:10 - Ultimo agg. 18:50
3 Minuti di Lettura

Rimane (ma con qualche limitazione) lo sciopero di venerdì 17 novembre. «Confermiamo lo sciopero come atto di responsabilità, non abbiamo intenzione di fare ricorso», ha detto il leader della Cgil Maurizio Landini, aggiungendo: «Abbiamo esentato il trasporto aereo e portato a quattro ore dalle 9 alle 13 quello dei vigili del fuoco». 

Cosa succederà

Una mossa che potrebbe evitare l'intervento del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini, il quale ha minacciato la precettazione. In questo caso, i lavoratori dovrebbero attenersi al provvedimento di limitazione della durata dello sciopero. Sennò, scatterebbero sanzioni amministrative pecuniarie verso i sindacati e i lavoratori coinvolti. «Il diritto allo sciopero è sacrosanto, bloccare un intero Paese per 24 ore non è ammissibile», ha dichiarato il vicepremier aggiungendo: «Oggi è l'ultima giornata in cui i sindacati possono rientrare nell'ambito della legge. Se oggi non tornano nel rispetto della legge, io faccio quello che la legge mi consente di fare: invitare a desistere a rispettare le regole.

Se così non fosse si può partire entro la mezzanotte con la precettazione».

Sciopero, la linea dura del governo: «Pronti alla precettazione»

I settori coinvolti e le fasce garantite

Lo sciopero di otto ore coinvolgerà tutti i trasporti (eccetto quello aereo), il pubblico impiego, la sanità, la scuola, l'università e ricerca, le poste e i servizi postali. Oltre alle attività di servizio collegate come le mense. Per i Vigili del fuoco l'astensione è stata ridotta a quattro ore (fascia 9-13). Stop nel trasporto ferroviario da mezzanotte alle 21 di venerdì, con due fasce di garanzia (6-9 e 18-21). Nel trasporto pubblico locale servizi sospesi per l'intera prestazione lavorativa degli addetti di autobus, tram e metropolitane nel rispetto delle fasce di garanzia (tre ore la mattina e tre nel pomeriggio). Niente Taxi tutto il giorno, mentre il trasporto marittimo (navi e traghetti) ritarderà le partenze di 24 ore (ad esclusione di linee e servizi essenziali).
Fermi tutto il giorno gli addetti alla viabilità di autostrade e Anas (garantiti i servizi minimi per la sicurezza della circolazione stradale), al trasporto merci e alla logistica e ai porti (garantiti i trasporti di beni e prodotti essenziali), all'autonoleggio e ai trasporti funebri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA