Smart working prorogato di tre mesi (fino al 31 dicembre) per i lavoratori fragili della PA

Discussa ieri nella riunione preparatoria, la misura dovrebbe essere inserita oggi nel decreto legge

Smartworking, verso la proroga al 31 dicembre per i lavoratori fragili della PA: atteso oggi il decreto
Smartworking, verso la proroga al 31 dicembre per i lavoratori fragili della PA: atteso oggi il decreto
Mercoledì 27 Settembre 2023, 15:25 - Ultimo agg. 23:49
3 Minuti di Lettura

I dipendenti fragili della Pubblica amministrazione potranno continuare a utilizzare lo smart working fino al 31 dicembre. Il termine è stato spostato in avanti di tre mesi dal decreto varato dal Consiglio dei ministri, equiparando così i lavoratori pubblici a quelli privati, come chiedevano da tempo i sindacati. Nel testo, che raccoglie una lunga serie di rinvii su temi molto eterogenei, spunta anche una proroga dello stato di emergenza per il soccorso degli ucraini: la nuova scadenza viene fissata al 3 marzo 2024. Il governo decide poi di allungare i tempi, in questo caso fino a fine dicembre, anche per le agevolazioni per l'acquisto della prima casa per gli under36. Resta fermo il tetto Isee di 40 mila euro per poter accedere agli aiuti. Infine, una proroga spunta pure per la presentazione delle domande per aderire alla regolarizzazione delle criptovalute detenute fino a tutto il 2021 e sulle quali risultino delle plusvalenze.

Covid, sintomi ricompaiono dopo aver preso l'​antivirale Paxlovid: cos'è l'effetto rebound

 

Smart working, la proroga

Per permettere lo smart working ai fragili viene stanziato 1,67 milioni di euro.

La misura è rimasta in bilico fino alla fine ma poi dal Mef è arrivato il via libera. Potranno usufruire ancora del lavoro agile i dipendenti pubblici affetti da patologie croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità, secondo quanto previsto dai primi provvedimenti in materia, presi quando esplose la pandemia da Covid. Questa fa seguito ad altre proroghe (l'ultima di tre mesi a giugno), e dispone anche che i docenti in situazione di lavoro agile siano adibiti «ad attività di supporto all'attuazione del Piano triennale dell'offerta formativa». Il nuovo intervento era stato richiesto dai sindacati, anche per porre fine alla disparità con i lavoratori fragili privati, per i quali lo smart working è già stato prorogato alla fine dell'anno.

Un appello accolto nel decreto, come proposto dal ministro per la Pubblica amministrazione Paolo Zangrillo, per «salvaguardare la salute di persone con patologie plurime o sottoposte a terapie salvavita ed evitare discriminazioni con le lavoratrici e i lavoratori del settore privato». «Sono convinto dell'opportunità di dare maggiore attenzione ai cosiddetti fragili, ma ora che non siamo più nella fase emergenziale serve un differente approccio - ha spiegato il ministro -. Per questo motivo con la contrattazione collettiva nazionale per il comparto pubblico ci siamo occupati di regolamentare il lavoro agile come forma di prestazione lavorativa organizzata. La nuova disciplina prevede la sottoscrizione di accordi individuali tra singoli dipendenti e il dirigente responsabile, con l'indicazione degli obiettivi da raggiungere e dei risultati collegati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA