Taglio dei parlamentari, l'incognita referendum appesa alla nuova legge elettorale

Martedì 8 Ottobre 2019 di Alberto Gentili
Taglio dei parlamentari, l'incognita referendum appesa alla nuova legge elettorale

La Costituzione, all'articolo 138,  parla chiaro: se una riforma che modifica la Carta non è approvata in seconda lettura da una maggioranza dei due-terzi, entro tre mesi è possibile promuovere il referendum confermativo. E a promuoverlo possono essere 5 consigli regionali, 500mila elettori o 1/5 dei parlamentari. Ebbene, dopo il voto plebiscitario della Camera, dove ci sono stati appena 14 "no" e 2 astenuti, è difficile che la minaccia di Roberto Giachetti di raccogliere le firme tra i parlamentari per promuovere la consultazione diventi concreta. E appare altrettanto difficile che ci sia qualche comitato promotore che raccolga le 500mila firme per bocciare una riforma che, in base ai sondaggi, è molto apprezzata dall'opinione pubblica. Più facile è che si facciano avanti 5 Consigli regionali che, a causa degli effetti distorsivi che ha il taglio della rappresentanza nelle Regioni più piccole, potrebbero decidere di opporsi alla sforbiciata degli onorevoli. Ma anche questo epilogo appare improbabile.

Taglio parlamentari, si passa da 945 a 600 onorevoli: risparmi per 80 milioni annui

Taglio Parlamentari, Sgarbi: "Grillo stupra il Parlamento"
 

Ma da qui a dire che il referendum non si celebrerà in primavera, ce ne corre. Tutto dipende da quale sarà, se si farà, l'accordo tra 5Stelle, Pd, Italia Viva e Leu sulla legge elettorale. Se l'intesa di maggioranza, che appare orientata a virare verso una legge proporzionale con uno sbarramento tra il 3 e il 5% cancellando la quota maggioritaria presente nel Rosatellum, dovesse essere del tutto sgradita a Matteo Salvini e Giorgia Meloni (più difficilmente a Silvio Berlusconi che, a dispetto degli annunci recenti, è un fiero sostenitore del proporzionale), a quale punto Lega e Fdi potrebbero decidere di innescare la miccia del referendum confermativo. Ma si capirà solo a dicembre, quando la maggioranza tirererà le somme di una trattativa che attualmente è una sorta di fiume carsico.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA