Guerra Russia Ucraina, Draghi: «Sono i giorni più bui della storia europea. Zelensky nascosto, ci ha detto "non ha più tempo"»

Guerra Russia Ucraina, Draghi: «Sono i giorni più bui della storia europea. Zelensky nascosto, ci ha detto "non ha più tempo"»
Venerdì 25 Febbraio 2022, 10:58 - Ultimo agg. 17:24
3 Minuti di Lettura

«L'offensiva ha già colpito in modo tragico la popolazione ucraina: il Ministero dell'Interno ucraino registra vittime civili. Le immagini a cui assistiamo - di cittadini inermi costretti a nascondersi nei bunker e nelle metropolitane - sono terribili e ci riportano ai giorni più bui della storia europea. Si registrano lunghe file di auto in uscita da Kiev e da altre città ucraine, soprattutto verso il confine con l'Ue». Lo dice il premier Mario Draghi nell'informativa alla Camera sul conflitto Russia-Ucraina.

Chernobyl, ecco perché i russi l'hanno conquistata subito: l'incubo nucleare e la via (più rapida) che porta a Kiev

Russia Ucraina diretta, si combatte a Kiev: mezzi russi nella Capitale. Suonano le sirene, bombe su scuola a Donetsk

Il grido d'aiuto di Zelensky

«Stamattina il presidente ucraino Zelensky mi ha cercato, abbiamo fissato un appuntamento telefonico per le 9,30 ma non è stato possibile perchè non era più disponibile», ha rivelato Draghi. «Ieri sera al Consiglio Ue straordinario ha preso parte anche Zelensky: è stato un momento drammatico. È nascosto in qualche parte di Kiev, ha detto che lui e l'Ucraina non hanno più tempo, che lui e la sua famiglia sono l'obiettivo delle forze russe. Èstato veramente un momento drammatico».

 
 

Le sanzioni

«Per quanto riguarda le sanzioni, l'Italia è perfettamente in linea con gli altri Paesi dell'Unione Europea, primi tra tutti Francia e Germania. Le misure sono state coordinate insieme ai nostri partner del G7, con i quali condividiamo pienamente strategia e obiettivi». Ma bisogna fare attenzione all'impatto delle suddette sanzioni sull'economia italiana, ha precisato. «Le sanzioni che abbiamo approvato, e quelle che potremmo approvare in futuro, ci impongono di considerare con grande attenzione l'impatto sulla nostra economia», ha aggiunto Draghi. 

Le truppe italiane della Nato

 
«Le forze italiane che prevediamo essere impiegate dalla NATO sono costituite da unità già schierate in zona di operazioni - circa 240 uomini attualmente schierati in Lettonia, insieme a forze navali, e a velivoli in Romania; e da altre che saranno attivate su richiesta del Comando Alleato. Per queste, siamo pronti a contribuire con circa 1400 uomini e donne dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica, e con ulteriori 2000 militari disponibili», ha illustrato Draghi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA