Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Adesca con le foto hard la parente minorenne: sotto inchiesta

Giovedì 12 Maggio 2022 di Marcello Ianni
Adesca con le foto hard la parente minorenne: sotto inchiesta

Attraverso l'invio di foto pornografiche ha adescato una sua parente minorenne che si era registrata come avvocato maggiorenne. Con l'accusa di adescamento di minore, violenza privata e simulazione di reato, il pubblico ministero della Procura della Repubblica dell'Aquila, Guido Cocco, ha chiuso le indagini preliminari a carico din un 42 anni, accusato di gravi reati nei riguardi di una 14enne, sua ex parente in quanto l'indagato risulta l'ex marito di una cugina della mamma della minore.

Le indagini hanno messo in luce come i due utenti della chat Instagram avessero cominciato a scambiarsi dei messaggi, entrambi a perfettamente a conoscenza di chi fosse il proprio interlocutore. Tutto bene fino a quando l'indagato non ha cominciato a chiamare la minorenne amore, dicendole di essere innamorato di lei e che i figli della sua ex moglie non erano i suoi, in quanto aveva fatto un test del Dna.

A conclusione di un messaggio l'uomo ha inviato alla ragazzina la foto del proprio organo sessuale: circostanza che ha portato la ragazzina ad avvertire immediatamente la mamma la quale ha cominciato a contattare subito l'ex parente al telefono. Il 42enne, ormai scoperto, ha minacciato la minore: «Prova a dirlo a qualcun altro o a fare un passo falso che io ti ammazzo», le ha detto in uno dei messaggi incriminati.

Infine l'indagato, per sviare le indagini sul proprio conto, ha simulato il furto di identità del suo profilo Instagram, presentando una denuncia ai carabinieri. La chiusura delle indagini preliminari a carico del 42enne segue anche l'audizione della minorenne che in forma protetta ed accompagnata dalla presenza di uno psicologo ha confermato le accuse. Ora l'indagato ha venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogato, presentare una memoria difensiva oppure chiedere al pm titolare del fascicolo di svolgere approfondimenti del caso.
 

Ultimo aggiornamento: 08:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA