Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ascoli, vendeva pacchetti di tv pirata: denunciato un imprenditore

Lunedì 2 Maggio 2022
Ascoli, vendeva pacchetti di tv pirata: denunciato un imprenditore

Un imprenditore di Ascoli Piceno per mezzo di un sistema illecito, tramite «Iptv» (trasmissione di segnali televisivi su reti informatiche), consentiva di vedere le programmazioni di Sky, Mediaset Premium, Netflix e Dazn senza sottoscrivere abbonamenti ufficiali. È stato scoperto e denunciato nell'ambito di un'operazione anti-pirateria audiovisiva digitale, dalla Guardia di Finanza di Ascoli Piceno che ha anche eseguito perquisizioni personali e locali, sulla base di un provvedimento dell'autorità giudiziaria, sequestrando materiale informatico.

Parallelamente all'esercizio di un'attività legale di commercio al dettaglio di computer, software e attrezzature d'ufficio, l'interessato era attivo su un sito internet, come «reseller» di servizi pirata per vendere illegalmente elementi di decodifica che consentivano l'accesso a un servizio criptato; servizio che, diversamente, si sarebbe potuto ottenere solo acquistando un regolare abbonamento.

 

Serie tv e partite in streaming gratis: stop a un milione e mezzo di abbonamenti illegali

 

L'indagine della Guardia di Finanza

Gli utenti finali, hanno ricostruito gli investigatori, pagavano il corrispettivo pattuito con ricariche su carte Postepay riconducibili all'indagato, elargendo una somma molto inferiore rispetto al reale canone che avrebbe dovuto essere versato al fornitore del servizio televisivo. Con il procedimento usato, spiegano gli inquirenti, alcuni soggetti sono in grado di decriptare il segnale delle pay tv, successivamente i codici di decodifica vengono ceduti a «reseller», che li rivendono a clienti compiacenti per visionare illegalmente programmi criptati di alcune delle più note piattaforme digitali.

Ultimo aggiornamento: 17:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA