Astori, il medico Giorgio Galanti condannato a un anno (e a un milione di euro di risarcimento) per la morte del calciatore

Lunedì 3 Maggio 2021
Astori, il medico Giorgio Galanti condannato a un anno per la morte del calciatore

Il capitano della Fiorentina, Davide Astori, fu trovato morto il 4 marzo 2018 nella sua camera di albergo a Udine, dove era insieme alla squadra, ucciso da un'aritmia ventricolare maligna dovuta a una grave patologia cardiaca che non gli era mai stata diagnosticata. Per quel decesso il gup di Firenze ha riconosciuto colpevole di omicidio colposo il professor Giorgio Galanti, il medico che in due occasioni certificò l'idoneità sportiva del calciatore, e lo ha condannato a un anno di reclusione in abbreviato, con pena sospesa.

Morte Astori, la richiesta del pm: «Un anno e mezzo al medico Galanti»

 

 

Galanti, imputato in qualità di direttore sanitario di Medicina dello Sport dell'ospedale di Careggi (Firenze), è stato anche condannato al pagamento di provvisionali per oltre 1 milione di euro, tra cui 240.000 per la figlia di Astori e 250.000 per la compagna Francesca Fioretti che era in aula alla lettura del dispositivo insieme ai fratelli del calciatore. «Sono orgogliosa - ha detto Francesca Fioretti - che finalmente sia stata fatta giustizia a Davide, anche se sono molto dispiaciuta perché a oggi lui poteva essere qui con noi». «Spero vivamente - ha aggiunto - che questa sentenza possa servire in futuro a salvare anche una sola vita umana». Per l'avvocato Alessandro Zonca, legale di Marco Astori, fratello di Davide, «è stata ristabilita la giustizia: ma il dolore è tanto perché se non ci fossero stati quegli errori Davide avrebbe potuto essere ancora qua».

«È una sentenza importante - ha detto ancora Zonca - perché il giudice ha disatteso le conclusioni dei suoi periti». La condanna - l'accusa aveva chiesto una pena di 1 anno e 6 mesi - è arrivata per certi versi in modo inaspettato, dopo la perizia redatta dai tecnici incaricati dal giudice Angelo Antonio Pezzuti. Tra le conclusioni delle relazione, infatti, anche quella, in linea con la tesi della difesa, secondo cui la morte di Astori «non poteva essere evitata». La notte in cui Astori si sentì male, scrivono i periti, l'unica possibilità di salvarlo sarebbe stata che gli fosse stato applicato in precedenza un defibrillatore, eventualità quest'ultima impensabile in assenza di una diagnosi. Sempre per la perizia, tuttavia, Astori non fu sottoposto all'holter, che era invece indicato dalle linee guida Cocis per l'idoneità sportiva. Tuttavia anche questo esame, viene precisato nel documento, probabilmente non avrebbe permesso di salvarlo. In aula anche l'avvocato Nino D'Avirro, legale della Fiorentina, che non si è costituita parte civile nel processo. «La Fiorentina - ha detto D'Avirro - prende atto della sentenza che riconosce la colpevolezza di Galanti. La società ha sempre avuto un atteggiamento neutrale nella vicenda e ha partecipato alle udienze per vicinanza alla famiglia».

Annuncia ricorso in appello il difensore di Galanti, avvocato Sigfrido Fenyes. «Sono stupito - ha dichiarato -, aspettiamo le motivazioni e poi impugneremo la sentenza. Dalle carte processuali secondo me la responsabilità di Galanti non emergeva, e neppure dagli esiti della perizia». Nel procedimento per omicidio colposo era stato inizialmente indagato anche il medico dello sport Francesco Stagno, che rilasciò l'idoneità sportiva al tempo della permanenza nel Cagliari, ma la sua posizione è stata poi archiviata dal gip su richiesta dello stesso pm Antonino Nastasi. Inoltre per Galanti la procura di Firenze ha chiesto anche un altro rinvio a giudizio nell'ambito di un'inchiesta bis nata dalla morte di Astori, quella relativa alla falsificazione di un certificato medico per un esame a cui il giocatore in realtà non sarebbe stato sottoposto. Il processo è stato chiesto per Galanti, per il successore alla guida della medicina dello sport a Careggi Pietro Amedeo Modesti e per il medico sportivo Loira Toncelli. Udienza dal gup il 21 ottobre prossimo.

 

Astori, la lettera commovente di Saponara: «Ciao Davide, saresti fiero di me»

Astori, ricordo al 13' delle partite di Serie A: una foto sui maxischermi degli stadi la prossima giornata

Ultimo aggiornamento: 18:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA