Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cerca il papà che non è tornato a casa e lo trova morto, investito da un'auto

Giovedì 2 Ottobre 2014 di Melody Fusaro
Giuliano Teston e la bici dopo l'incidente




QUARTO D'ALTINO - La mountain bike bianca con strisce colorate, verdi e viola era sull’asfalto, tutta ammaccata, in mezzo alla stradina bloccata dalle auto della polizia municipale. Una ragazza l’ha riconosciuta, ha accostato, è scesa dall’auto ed è corsa sul luogo dell’incidente: «È la bici di mio papà. Cosa gli è successo?» ha chiesto ai vigili.





Suo papà, Giuliano Teston, 67 anni di Musestre di Roncade, era stato investito da un’auto mentre tornava a casa, in sella alla sua bici, e la botta era stata così violenta da togliergli la vita. L’uomo, che arrivava dalla zona industriale e pedalava sul percorso ciclopedonale, si stava dirigendo verso il centro di Quarto, con l’intenzione di rientrare a casa, a Roncade, per il pranzo. La figlia, che lo aspettava ma non riusciva a rintracciarlo al telefono, aveva deciso di cercarlo lungo il suo percorso abituale.
Ultimo aggiornamento: 18:58