Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Annamaria D'Eliseo, bidella trovata impiccata a Lanciano: tutti i sospetti sul marito geloso

L'allarme dato dal marito, la sua versione non convince gli inquirenti: la donna aveva 60 anni e 5 figli

Sabato 16 Luglio 2022 di Serena Giannico
Bidella impiccata, tutti i sospetti sul marito geloso

Impiccata nel garage-cantina della propria abitazione di via Iconicella 325b. Ed è qui che comincia il giallo, in questa villa cinta di pini altissimi alla periferia di Lanciano, sulla provinciale per Fossacesia. Annamaria D'Eliseo, 60 anni, collaboratrice scolastica all'istituto Eroi Ottobrini di Lanciano, viene trovata senza vita alle 13.10 di ieri.

E' il marito, Aldo Rodolfo Di Nunzio, di 70 anni, vigile del fuoco in pensione, a dare l'allarme. A riferire che la moglie si è tolta la vita. Ma la sua versione non convince. E partono immediatamente le indagini a carico dell'uomo. L'abitazione, dopo la telefonata alle forze dell'ordine, viene "invasa" dai carabinieri.

Lei, donna mite e umile, dopo aver sopportato per anni il marito geloso e violento, ultimamente aveva iniziato a confidare il proprio disagio alle colleghe. C'è chi suppone che ci fosse aria di separazione. I militari, con il Reparto scientifico, passano al setaccio il posto il cui il cadavere viene rinvenuto. Sul posto anche il medico legale, Cristian D'Ovidio, e il pm Serena Rossi, della Procura di Lanciano.

«Ti sfregio con l'acido e ti brucio», marito violento a processo

Lecce, Matteo Verdesca accoltella la moglie e poi si uccide dandosi fuoco. Il giorno prima lei sui social: «Noi, la fine del mondo»

In quella rimessa sul retro, nascosta sotto una piccola discesa e messa sotto sequestro, gli investigatori restano infilati per ore, fino a che scende il buio. Quindi la salma viene trasportata all'obitorio dell'ospedale di Chieti per l'autopsia. Il marito, invece, viene condotto subito in caserma, dove resta: contro di lui, a sera tardi, vengono formalizzate le prime accuse. I rapporti tra la coppia erano erano pessimi e per questo il pm ha aperto un'inchiesta per verificare se la donna sia stata uccisa oppure istigata a suicidarsi. Il marito dopo essere stato ascoltato è stato indagato dai carabinieri.

L'uomo, che alle ultime elezioni comunali si era anche candidato come consigliere nel movimento popolare "Nuova Lanciano", è conosciutissimo in città. Anche per il lavoro che svolgeva. La coppia ha cinque figli - tre donne e due maschi -: tra loro un'infermiera e un carabiniere forestale. Una si è stabilita anche all'estero, in Inghilterra. 

Ultimo aggiornamento: 22:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA