Bologna, resti umani trovati nel bosco: esame del dna per due persone scomparse anni fa

Martedì 23 Febbraio 2021
Bologna, resti umani trovati nel bosco: esame del Dna per due persone scomparse anni fa

Verrà fatto un confronto del dna dei resti umani ritrovati giorni fa a Monterenzio (Bologna). In particolare, gli inquirenti vogliono stabilire se si tratta dei resti di Nicola Menetti, un pensionato scomparso 12 anni fa a Frassineta di Monghidoro (Bologna). A confronto anche il Dna del rapper Domenico D'Amato, sparito sempre nel Bolognese nel 2017. Lo ha comunicato Barbara Iannuccelli, l'avvocato che assiste le famiglie di molte persone scomparse.

Scheletro ritrovato in spiaggia, nessuno chiede informazioni: resta il mistero

Il ritrovamento

A decidere il confronto è stata la procura, dietro segnalazione dei carabinieri perché - dice Iannuccelli - la banca dati nazionale del dna non viene ancora aggiornata automaticamente dalla medicina legale di Bologna. Si tratta di un teschio, un femore, un bacino e varie altre ossa, che sono state ritrovate a inizio febbraio dai cani delle unità cinofile della Croce Rossa, che si trovavano lì per una normale esercitazione.

Firenze, resti umani nelle valigie: potrebbero essere di una coppia scomparsa nel 2015

Le dichiarazioni

«Monterenzio è vicino a Monghidoro - ha spiegato l'avvocato Iannuccelli - dove scomparve il 20 febbraio 2009 Nicola Menetti, e visto il recente ritrovamento, ho provato ad avere informazioni dall'Istituto di Medicina Legale di Bologna per capire se il profilo genetico di Menetti, sviluppato a suo tempo, fosse stato già inserito nella banca dati nazionale dei Dna. La risposta è stata negativa, perché l'Istituto non è ancora accreditato per alimentare la banca dati nazionale», così il legale che assiste la famiglia di Menetti.

Roma, relazione choc sul cimitero di Prima Porta: «Resti umani fuori dalle urne»

Per Iannuccelli questa scoperta è stata di grande sconforto, dal momento che la banca dati fu salutata come strumento risolutivo per consentire in maniera rapida e sicura l'identificazione di eventuali resti umani. «Per fortuna - ha concluso il legale - per Nicola Menetti e Domenico D'Amato verrà fatta una comparazione diretta, ma senza la memoria storica mia o dei comandanti delle stazioni Carabinieri interessate, nessuno sarebbe stato in grado di provare ad attribuire questi resti a una persona scomparsa, e nel 2021 questa è una cosa da medioevo».

Ultimo aggiornamento: 20:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA