Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bonomi vola a Kiev e vede Zelensky: «Le nostre imprese per la ricostruzione»

Martedì 21 Giugno 2022 di Umberto Mancini
Bonomi vola a Kiev e vede Zelensky: «Le nostre imprese per la ricostruzione»

Un incontro di persona per testimoniare la vicinanza al popolo ucraino, ribadire l’impegno in difesa dei valori della democrazia e affrontare insieme la sfida della ricostruzione. Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ieri è volato a Kiev con una missione precisa: portare la solidarietà e un sostegno concreto da parte dell’imprenditoria italiana. E, nel solco già tracciato dal premier Mario Draghi, ha incontrato il presidente Volodymyr Zelensky per illustrare nei dettagli come le imprese italiane vogliono essere in prima linea su questi fronti. «È un incontro molto importante» ha detto Bonomi al Tg1, rievocando le parole di Draghi secondo cui «solo con i valori della libertà e della democrazia si può avere sviluppo economico e sociale». Una visita programmata da almeno un mese, d’intesa con Palazzo Chigi, che ha portato alla firma di un memorandum ad ampio raggio per supportare la ricostruzione del Paese in più ambiti, mettendo a punto progetti condivisi e modulati secondo le indicazioni di Kiev. Un messaggio chiaro di come l’Italia punta a partecipare alla rifondazione di un Paese ridotto allo stremo da una guerra assurda, ma che resiste con coraggio.

Soddisfatto Zelensky, che ha commentato sui propri profili Instagram e Telegram: «L’incontro è dedicato alla partecipazione degli imprenditori italiani alla ricostruzione per il dopoguerra in Ucraina. Per noi è importante che i produttori italiani si presentino sul nostro mercato con una nuova potente ondata». 

Bonomi è stato accompagnato nella visita dall’ambasciatore italiano in Ucraina Pier Francesco Zazo. E nel video, postato da Zelensky, si vede il momento in cui l’ambasciatore Zazo e il presidente di Confindustria Bonomi incontrano il presidente ucraino, in una stanza del palazzo presidenziale, si stringono la mano e alcuni momenti della riunione, con i partecipanti seduti intorno ad un grande tavolo. Nell’occasione della visita a Kiev, Bonomi, insieme a Zazo, ha incontrato anche il viceministro dell’energia ucraino Demchenkov Yaroslav. Bonomi è il primo imprenditore europeo che ha teso una mano concreta, siglando un protocollo bilaterale di vasta portata che riguarda logistica, infrastrutture, filiere produttive. Si tratta di un’intesa ovviamente aperta ad altre collaborazioni a livello europeo, visto che nella loro visita a Kiev insieme a Draghi, sia il presidente Emmanuel Macron che il cancelliere Olaf Scholz avevano dato ampia disponibilità per un intervento di sostegno. Confindustria è quindi in pole position anche se spetterà a Kiev indicare gli ambiti e i settori che le verranno affidati. Insomma, una volta di più l’Italia si è distinta con una mossa concreta, passando dalle parole ai fatti. L’auspicio è che il conflitto con i russi possa finire rapidamente, aprendo una fase nuova. Proprio per anticipare i tempi della collaborazione, l’associazione imprenditoriale vuole aprire una sede a Kiev per seguire da vicino la situazione, supportare le imprese, intrecciare rapporti d’affari.  

Video

Non è un caso che la visita di Bonomi sia stata preceduta da quella di Draghi che, come noto, ha ribadito la volontà di far entrare al più presto l’Ucraina nella Ue. Un impegno solenne che Francia e Germania condividono. 
La visita di ieri, è anche una risposta all’imbarazzo creato ai vertici della Confindustria dalla partecipazione di alcuni esponenti del mondo dell’imprenditoria italiana alla “Davos” russa di San Pietroburgo proprio nei giorni in cui importanti realtà nazionali, da Eni a Enel, da Intesa Sanpaolo a Unicredit, decidevano di uscire dalla Russia. Sempre al Tg1 Bonomi ha parlato, emozionato, delle sue sensazioni: «Nei loro occhi si legge ancora paura, voglia di tornare a vivere, ma ancora paura. Kiev sta riprendendo vita anche se nelle ultime 24 ore, abbiamo avuto due allarmi aerei».

Ultimo aggiornamento: 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA