Botte e minacce all'ex fidanzata: 4 anni a Algero Corretini, l'ex rapper Fratellì, famoso per un video in cui si schiantava con l'auto a Roma

Botte e minacce all'ex fidanzata, Algero Corretini (1727wrldstar) condannato a 4 anni
Botte e minacce all'ex fidanzata, Algero Corretini (1727wrldstar) condannato a 4 anni
Domenica 13 Febbraio 2022, 11:00 - Ultimo agg. 18:22
3 Minuti di Lettura

Algero Corretini condannato in primo grado a quattro anni per botte e minacce all'ex fidanzata. Il 25enne ex rapper e ora influencer, noto anche con l'alias 1727wrldstar e con il soprannome di 'Fratellì'  - e conosciuto soprattutto per un video in cui si schiantava con l'auto a Roma - ha annunciato sui social l'esito della sentenza.

Leggi anche > Roma, tassista salva una ragazza dalla violenza. L'assessora Lucarelli:«Prendiamo esempio da lui»

Il caso risale a poco più di un anno fa. Algero Corretini, su Instagram, ha spiegato di essere stato condannato a quattro anni e al pagamento di un risarcimento pari a 20mila euro. «Per fortuna è solo il primo grado, ne riparleremo poi», spiega nelle storie di Instagram Algero Corretini. Che poi usa come sottofondo 'Il cielo è sempre più blu' di Rino Gaetano, in segno di speranza per i prossimi gradi di giudizio.

Il 25enne romano fu arrestato il 22 gennaio dell'anno scorso per aver picchiato e minacciato l'ex fidanzata Simona Vergaro, nota nel mondo dei film per adulti con lo pseudonimo di Giorgia Roma. La ragazza fu trovata dai carabinieri sotto choc, sanguinante e stremata. Quella fu l'ultima di una serie di aggressioni che la giovane non aveva mai voluto denunciare.

Algero Corretini era quindi stato portato in carcere a Rieti, dov'è rimasto fino a fine ottobre. Una volta scarcerato, 1727wrldstar ha ricominciato anche l'attività di influencer, con vari marchi che hanno deciso di farsi pubblicità grazie alla sua fama sui social, ma era sottoposto a sorveglianza speciale e obbligo di soggiorno a Roma. A novembre, però, fu sorpreso dai carabinieri in giro insieme a Massimiliano Minnocci, detto 'Brasile', venendo nuovamente arrestato e rimesso ai domiciliari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA