Uccide la ex compagna col fucile da caccia a Brindisi, poi si toglie la vita: non accettava la fine della relazione

Brindisi, spara e uccide l'ex compagna in strada mentre va a lavorare, poi si uccide: non accettava la fine della relazione
Brindisi, spara e uccide l'ex compagna in strada mentre va a lavorare, poi si uccide: non accettava la fine della relazione
Giovedì 1 Settembre 2022, 09:42 - Ultimo agg. 20:41
4 Minuti di Lettura

Ha atteso che giungesse nel suo luogo di lavoro, una sartoria di Villa Castelli ( Brindisi), per ammazzarla. Due colpi di fucile, uno al braccio, l'altro sotto il petto. È morta cosi Giuseppina Fumarola, 48anni, assassinata dal suo ex compagno Vito Sussa, 52enne operaio del luogo, ritrovato subito dopo il delitto impiccato nel garage della sua abitazione, a 50 metri dal luogo dell'omicidio. Gli investigatori ritengono che l'uomo non avesse accettato la fine della loro relazione. L'assassino, il 29 agosto, aveva scritto su Facebook il suo ultimo e inquietante messaggio: «Un amico delinquente ti aiuta sempre, ma un amico pazzo ha bisogno di aiuto». La vittima lascia due figli, una ragazza di 27 anni ed un ragazzo di 21 anni, nati da una precedente relazione.

 

Uccide l'ex con il fucile a Brindisi, l'agguato in azienda

Quella di oggi sembrava una mattina come tante alla periferia del piccolo comune tra le province di Brindisi e Taranto, ma si è trasformata in tragedia. Alcune colleghe della donna, spaventate dal rumore degli spari, hanno raggiunto l'ingresso dell'azienda. Qui hanno trovato Giuseppina riversa per terra e hanno visto Sussa fuggire. Quando sono arrivati i soccorsi, per la donna non c'era più nulla da fare. I sanitari del 118 hanno dovuto soccorrere alcune colleghe della vittima colte da malore dopo la scoperta della tragedia.

Le indagini

Gli investigatori hanno ricostruito le fasi del delitto. L'assassino ha camminato da casa sua fino alla sartoria impugnano il fucile da caccia con cui ha fatto fuoco. Compiuto l'omicidio, ha raggiunto il suo appartamento in via Alessandro Volta, a meno di 50 metri dalla sartoria, è sceso in garage e si è impiccato. A casa di Sussa i carabinieri hanno trovato tre fucili e due pistole, armi legalmente detenute. Sussa era infatti un appassionato cacciatore.

Chi è la vittima Giuseppina Fumarola

Secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, Giuseppina Fumarola non avrebbe mai denunciato di essere stata minacciata o molestata dall'ex che oggi l'ha uccisa. Ma alcuni colleghi della donna riferiscono che da giorni era preoccupata per alcuni messaggi intimidatori inviati dall'uomo. Confidenze che lei aveva fatto all'interno di quella sartoria che era la sua seconda famiglia, nella quale lavorava da oltre 25 anni, e dove sapevano tutti di questa storia tormentata che lei aveva voluto interrompere. Ma Sussa avrebbe continuano a cercarla. Conosceva bene le abitudini e gli orari della donna, e questa mattina ha aspettato che giungesse nel parcheggio dell'azienda per ammazzarla.

Le immagini del sistema di sorveglianza 

Gli investigatori hanno acquisito le immagini del sistema di sorveglianza della sartoria che avrebbero ripreso l'intera scena dell'omicidio. I militari hanno anche raccolto le prime testimonianze di amici e parenti della donna e del suo ex compagno per approfondire altri particolari della vicenda. «C'è tanto sgomento nella nostra comunità per quanto avvenuto. È tutto inaccettabile - dice il sindaco di Villa Castelli ( Brindisi), Giovanni Barletta -. Facciamo tanti convegni, tante iniziative e, purtroppo, ci troviamo davanti a dei ragazzi poco più che 20enni privati della loro madre in maniera così dolorosa». «Conoscevo personalmente la donna - prosegue il primo cittadino - mai avrei pensato che potesse accadere quanto avvenuto. Come amministrazione continueremo a dare sempre più valore ad iniziative che possano sensibilizzare sul tema». Quella di oggi è «la 78esima donna uccisa dall'inizio dell'anno. Una storia che si ripete senza soluzione di continuità, che potrebbe essere stata generata - afferma Elisabetta Aldrovandi, presidente dell'Osservatorio nazionale sostegno vittime - da violenze domestiche non denunciate». I funerali saranno celebrati domani pomeriggio alle 17 nella chiesa di San Vincenzo dè Paoli, a Villa Castelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA