Arrestato Camillo Colella, patron di acqua Santa Croce: accusa di bancarotta fraudolenta. «Pericolo di fuga»

L'indagine è relativa al fallimento della società immobiliare Como Srl

Giovedì 27 Gennaio 2022
Arrestatato Camillo Colella, patron di acqua Santa Croce: accusa di bancarotta fraudolenta

Il patron di acqua Santa Croce Camillo Colella è stato arrestato oggi, 27 gennaio, con l'accusa di bancarotta fraudolenta. L'indagine è relativa al fallimento della società immobiliare Como Srl, facente capo all'imprenditore molisano. La misura cautelare è stata firmata dal Gip Massimo Marasca ed eseguita questa mattina all’alba dalla Guardia di Finanza di Isernia. Il provvedimento di fallimento sarebbe tutt’ora oggetto di giudizio in Cassazione, in quanto impugnato tramite i suoi legali davanti alla Suprema Corte. Colella era stato già arrestato nel 2015 con l’accusa di frode fiscale, ma la misura cautelare e il decreto di sequestro dei beni erano stati poi revocati da parte del Riesame.

Compagna segregata in casa e violentata, condannato a 4 anni imprenditore agricolo di Tuscania

 

«Pericolo di fuga»

Nell'ordinanza di custodia cautelare si specifica il «concreto e attuale pericolo di fuga di Colella, atteso che l'indagato possiede immense risorse economiche e società allo stesso riconducibili che hanno sede all'estero, circostanze che inducono a ritenere come lo stesso si stia preparando a vivere e gestire il proprio patrimonio (illecito) all'estero».

«Quanto al pericolo di reiterazione dell'attività criminosa - si legge - può essere desunto anche dalla molteplicità dei fatti contestati in quanto la stessa, considerata alla luce delle modalità della condotta concretamente tenuta, può essere indice sintomatico di una personalità proclive al delitto».

Ultimo aggiornamento: 19:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA