Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Corpo carbonizzato in un camper in fiamme, il mezzo intestato al prof diventato "Cloe"

Domenica 12 Giugno 2022
Luca Bianco "Cloe" e il camper divorato dalle fiamme

BELLUNO - Tragedia ieri ad Auronzo di Cadore: i vigili del fuoco intervenuti per l'incendio di un furgone adibito a camper che era parcheggiato in una piazzola di sosta, hanno scoperto un cadavere carbonizzato. Si tratta di un uomo, che probabilmente stava dormendo quando è scoppiato l'incendio. Il fuoco è stato spento, ma il furgone-camper è andato completamente distrutto. La tragedia è stata scoperta verso le 6.30 sulla strada per Palus San Marco in comune  di Auronzo di Cadore. Il veicolo distrutto dal fuoco risulta intestato a Luca Bianco, il professore di scuola che sette anni fa si presentò agli studenti dello "Scarpa Mattei" di San Donà di Piave, dove insegnava, vestito da donna. All'epoca si faceva chiamare "Cloe". 

Venezia, il prof arriva in classe vestito da donna: «Ecco chi sono veramente». E' bufera

La Procura ha disposto per domani il test del dna per confermare l'identità della vittima. L'uomo a cui è intestato il mezzo ha una ex moglie e una figlia che da tempo ne avevano perso i contatti. Non è da escludere, peraltro, che più che mezzo per le vacanze tra i monti dolomitici il furgone fosse il rifugio di fortuna della vittima, visto anche il luogo, paesaggisticamente poco appetibile, in cui è stato trovato. Si tratta di una vecchia discarica in località Miniera, sopra Somprade, una frazione di Auronzo, a ridosso della strada regionale 48 delle Dolomiti. L'intera area è stata posta sotto sequestro dall'autorità giudiziaria.

 

L'ipotesi al momento più attendibile, a detta delle forze dell'ordine, è che le fiamme siano divampate per un corto circuito dell'impianto elettrico o per la presenza di una stufa lasciata accesa o addirittura per le braci di una sigaretta caduta accidentalmente mentre l'uomo stava già dormendo. 

Ultimo aggiornamento: 16:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA