Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carol Maltesi, Davide Fontana al pm: «Sono un vigliacco e mi pento di averla uccisa»

Mercoledì 6 Aprile 2022
Carol Maltesi, Davide Fontana al PM: «Sono un vigliacco e mi pento di averla uccisa»

«Sono un vigliacco, mi vergogno per ciò che ho fatto e per non avervi chiamato subito». Davide Fontana, l'uomo che ha ammesso l'omicidio di Carol Maltesi a Rescaldina (Milano), parla con il Procuratore di Busto Arsizio nel carcere di Brescia e fornisce nuovi risvolti al caso. Lo ha rivelato il suo avvocato difensore Stefano Paloschi. Fontana, ascoltato per oltre cinque ore, «ha risposto a tutte le domande degli inquirenti e si è detto assolutamente pentito», ha detto il legale. Durante l'interrogatorio «ha avuto un crollo emotivo», ha aggiunto Paloschi, «si è dato più volte del vigliacco per non aver avuto il coraggio di chiamare subito le forze dell'ordine».

Charlotte Angie, «tracce di sangue» nella casa a Brescia. Il procuratore: tenerezza i pupazzi nell'abitazione

Charlotte Angie voleva trasferirsi dal figlio. I giudici svelano il piano omicida di Davide Fontana

Il fidanzato: «Fontana era morboso e ossessionato»

«Io non ero geloso, ma l'amavo e per questo le dicevo che doveva allontanarsi da quel Davide che non mi piaceva, era morboso, era ossessionato da lei, le stava attaccato 24 ore al giorno e l'aveva convinta che lei avesse bisogno di lui». Sono le parole di Salvatore Galdo, che si dice il fidanzato di Carol Maltesi, la ragazza uccisa da Davide Fontana, rilasciate in un'intervista che sarà proposta domani sera, 5 aprile, a «Fuori dal Coro» su Retequattro. «Davide - dice Galdo - non ha mai accettato che Carol dopo la breve relazione che avevano avuto due anni fa, durante il lockdown, lo avesse lasciato e proprio ai primi di gennaio lei finalmente aveva deciso di staccarsi definitivamente da lui e questo evidentemente lo ha fatto scattare. Lui avrà pensato: o con me o niente. Per questo credo che il delitto sia stato premeditato. La storia del video se l'è inventata. L'ha uccisa perché non voleva farle fare la sua vita. Lei voleva stare con me. Voleva venire a vivere con me» continua il trentenne.

 

«Io e lei - dice - eravamo fidanzati, siamo stati fidanzati fino all'ultimo momento della sua vita perché non è vero che lei mi aveva lasciato. Lui dopo che l'ha uccisa mi ha scritto fingendosi lei». «Eravamo simili, eravamo fatti l'uno per l'altra. Io volevo sposarla, le ho regalato un anello di fidanzamento che lei ha giurato di non togliersi mai più ed eravamo felici». Il giovane racconta anche che, dopo giorni dalla morte di Carol, ha ricevuto una chiamata dal suo profilo, ma non è riuscito a rispondere in tempo. Ha cercato, invano, di richiamarla più volte finché disperato ha scritto a Fontana, chiedendogli di farlo contattare da Carol: «Dorme sempre» la risposta.

Ultimo aggiornamento: 23:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA