Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gaffe al Senato, la presidente Casellati omaggia Pasolini. Ma lo chiama “Gianpaolo”

Sabato 9 Aprile 2022
Gaffe al Senato, lo scivolone della presidente Casellati diventa virale: «L amico Gianpaolo Pasolini...»

Lo scivolone della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati diventa virale sul social. Durante le celebrazioni della giornata di “Senato e cultura” dedicato a Pierpaolo Pasolini, la Presidente ha sbagliando il nome dello scrittore.

 

 

Ucraina, la Cnn: a Chernobyl radiazioni oltre il normale

 

 

La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati (Foto: Ansa)

 

 

Gaffe al Senato, lo scivolone della presidente Casellati diventa virale

 

 

L’appuntamento con “Senato&Cultura” diventa virale sul social grazie alle gaffe della presidente del Senato Elisabetta Casellati. Il ciclo di incontri per valorizzare le eccellenze italiane stavolta era dedicato a Pier Paolo Pasolini e la Casellati, rivolgendosi nel suo intervento introduttivo alla grande amica dello scrittore Dacia Maraini, ha sbagliato il suo nome: «Un ringraziamento speciale – ha fatto sapere la presidente - va a Dacia Maraini, che ha dedicato l’ultimo suo lavoro all’amico Gianpaolo Pasolini».

 

 

 

 

La scrittrice Dacia Mariani nel corso dell’incontro in Senato è stata intervistata ed poi stato letto un brano tratto dal suo libro, “Caro Pier Paolo”. La Casellati ha concluso il suo intervento augurandosi «Che gli occhiali di Pasolini, che sono sempre moderni anche a distanza di tanti decenni, ci aiutino a leggere la difficile contemporaneità, dando un equilibrato giudizio critico: perché le domande da lui poste ieri, dall’ambiente alla guerra, sono le stesse domande di oggi».

Ultimo aggiornamento: 22:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA