Cassino, uccise il figlio di due anni: ergastolo annullato in appello. Il padre di Gabriel sconterà 24 anni

Martedì 19 Ottobre 2021 di Vincenzo Caramadre
Cassino, uccise il figlio di due anni: ergastolo annullato in appello. Il padre di Gabriel sconterà 24 anni

La Prima Sezione della Corte di Assise di Appello di Roma, in seguito all'appello proposto dall'avvocato Pasquale Cardillo Cupo, ha annullato l'ergastolo inflitto in primo grado a Nicola Feroleto per l'omicidio del figlio Gabriel di soli due anni ed ha accolto la proposta di concordato avanzata dalla difesa con il consenso della Procura Generale e della Procura della Repubblica di Cassino, concedendo all'imputato la riduzione della pena, passata cosi dall'ergastolo ad 24 anni di reclusione.

Cassino, omicidio del piccolo Gabriel Feroleto: la madre vuole lo sconto di pena

Gabriel ucciso a due anni dalla madre, il giudice: «Follia omicida scatenata dai capricci»

Omicidio del piccolo Gabriel Feroleto, i giudici nella sentenza di ergastolo: «Il pade immobile mentre il figlio moriva»

«Ci troviamo davanti alla più grande delle tragedie - ha dichiarato l'avvocato Cardillo Cupo - ed una decisione equa e di giustizia concordata tra accusa e difesa è sicuramente una conclusione matura e ponderata, anche alla luce della condotta contestata all'imputato, responsabile in ipotesi accusatoria di una condotta omissiva. La pena deve sempre tendere alla rieducazione del reo e mai ad una finalita meramente punitiva».

Video

Di tutt'altro avviso gli avvocati di parte civile,  Alberto Scerbo e Giancarlo Corsetti: «A margine della definizione giudiziaria della tristissima vicenda, riteniamo che il fatto sia e resterà, purtroppo e irrimediabilmente, di una gravità inaudita. Del resto, il ricorso al patteggiamento in appello fa parte di uno degli esiti possibili del processo, previsti dalla legge, dunque non ci sorprende. Piuttosto, oggi i nostri assistiti  avrebbero vissuto un altro momento di grande dolore e rammarico se l'imputato avesse continuato a professarsi innocente, nonostante la condanna di primo grado e le inconfutabili prove raccolte a suo carico. Cio' non è stato, e i familiari di Gabriel ne prendono atto con la pacatezza e la fiducia nella giustizia che li ha sempre contraddistinti», gli avvocati di parte civile».

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA