Catania choc, lega la figlia di 15 mesi al seggiolone per ore e la lancia contro l'auto dell'ex amante

Venerdì 10 Luglio 2020

Legava la figlia, che ha meno di due anni, al seggiolone, anche dalle 12 alle 21, per obbligarla a non muoversi mentre lei usciva di casa. La colpiva violentemente e le ha rotto due denti con un colpo di cucchiaio perché aveva difficoltà a deglutire. Una volta, quando aveva 15 mesi, l'ha lanciata contro il parabrezza dell'auto del padre naturale della piccola, un suo ex amante, per convincerlo a dargli dei soldi. Quando l'uomo si è rivolto ai carabinieri lei ha minacciato di vendicarsi sulla piccola: «L'ammazzo di botte e, se me la penso, una volte per tutte, la prendo e la butto dal balcone». È il quadro di sevizie emerso dalle indagini dei carabinieri di Catania su una 23enne, madre di tre figli, due bambine di 5 e 2 anni e un maschietto di due mesi, che è stata arrestata e posta ai domiciliari in un'altra casa.

Il Gip, su richiesta della Procura, ha disposto anche la misura interdittiva della sospensione dell'esercizio della responsabilità genitoriale per sei mesi. La giovane, che vive in un paese della provincia etnea, avrebbe problemi di tossicodipendenza e avrebbe minacciato e picchiato anche l'attuale convivente e i suoceri quando gli rifiutavano i soldi per comprare la droga. La famiglia ha sempre taciuto per paura delle vendette annunciate dalla 23enne sulla piccola, nel tentativo di proteggerla, ma senza riuscirci. Le violenze sono emerse dopo la denuncia ai servizi sociali comunali di una parente che ha notato la bambina piena di lividi e con un occhio sanguinante. La donna è indagata per maltrattamenti in famiglia, estorsione, furto in abitazione ed uso indebito di carta di credito.

Ultimo aggiornamento: 14:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA