Due sorelle morte nel rogo dell'appartamento, arrestato il fratello: voleva l'eredità

Domenica 10 Novembre 2019
(Fotogramma)
Un uomo di 68 anni è stato arrestato dai carabinieri perché ritenuto responsabile dell'omicidio volontario aggravato delle sue due sorelle, il 13 aprile 2015, commesso incendiando l'abitazione in cui dormivano a Cerro Maggiore (Milano). Le indagini, svolte su delega della Procura Generale della Repubblica di Milano, hanno preso avvio a seguito dell'avocazione del fascicolo processuale precedentemente in carico alla Procura di Busto Arsizio.

Giuseppe Agrati, arrestato con l'accusa di aver ucciso le sorelle nel 2015 provocando un incendio nella loro casa temeva di perdere l'eredità di un fratello morto una settimana prima a favore dei nipoti. «Con il testamento di Carla (una delle due sorelle - ndr) e con la paventata sua intenzione di lasciare il proprio cospicuo patrimonio ai nipoti - scrive il gip nell'ordinanza di arresto visionata dall'ANSA - nulla sarebbe spettato all'Agrati che, non essendo legittimario in quanto fratello, non avrebbe potuto rivendicare alcunché». Ultimo aggiornamento: 18:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA