Certificato verde per gli spostamenti, Lazio e Campania già lo fanno: dura sei mesi, quello con il tampone 48 ore

Il certificato verde, Lazio e Campania già lo fanno, dura sei mesi, quello con il tampone 48 ore
Il certificato verde, Lazio e Campania già lo fanno, dura sei mesi, quello con il tampone 48 ore
di Diodato Pirone
Giovedì 22 Aprile 2021, 11:23 - Ultimo agg. 17:46
3 Minuti di Lettura

Una delle principali novità del Decreto varato ieri dal governo è il “green pass” per gli spostamenti fra le Regioni di colore diverso ma anche da usare per aree o strutture "covid free".

Questo "green pass" è rilasciato dalle Regioni (Lazio e Campania già lo fanno) al momento della seconda iniezione del vaccino, oppure dalla struttura sanitaria dove si fa un tampone molecolare o antigenico oppure dalla Asl che certifica la guarigione da Covid. In tutti e tre i casi si certifica che si è immuni dal virus.

Certificato verde, valido sei mesi per spostarsi tra regioni e viaggiare in Europa: carcere per chi lo falsifica

Nuovo decreto Draghi, coprifuoco alle 23: sì a ristoranti e cinema. Riaperture, ecco il calendario fino a luglio

Quanto dura?

La green card dei vaccinati e quella dei guariti dura sei mesi.

Come specifica il decreto è rilasciata «in formato cartaceo o digitale, su richiesta dell’interessato, dalla struttura sanitaria che effettua la vaccinazione».

La certificazione di guarigione invece «rilasciate precedentemente alla data di entrata in vigore del presente decreto sono valide per 6 mesi a decorrere dalla data indicata nella certificazione».

Da ultimo, la certificazione sul tampone negativo ha «validità di 48 ore dal rilascio ed è prodotta, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche da quelle private autorizzate e accreditate e dalle farmacie che svolgono i test».

Per i falsi c'è il codice penale

Attenzione  a non prendere alla leggera la presentazione di Green Card false perché c'è il rischio del carcere. Le certificazioni rilasciate negli Stati membri dell’Unione europea sono riconosciute come equivalenti, così come quelle rilasciate in uno Stato terzo a seguito di una vaccinazione riconosciuta nell’Unione europea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA