Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Charlotte Angie, l'appello del padre sui social: «Raccolta fondi tra gli amici per un funerale dignitoso»

Martedì 12 Aprile 2022
Carol Maltesi, l'appello del padre sui social: «Raccolta fondi tra gli amici per un funerale dignitoso»

«Carissimi amici di Carol Angie Deborah Maltesi stiamo per fare una raccolta fondi, così da aiutare lei e la sua mamma (che vive con una bassa pensione di invalidità, ndr) a fare in modo che abbia un funerale dignitoso. L’offerta è libera  e anche una minima donazione avrebbe tanto valore simbolico per noi ma anche per tutti coloro che la amavano, e verrebbe apprezzata enormemente. Grazie di cuore dal suo papà». È l'appello lanciato suoi social da Fabio Maltesi, il padre della 26 enne uccisa dal vicino di casa Davide Fontana, 43 anni, perché aveva deciso di allontanarsi da lui, a Rescaldina (Milano), e i cui resti sono stati ritrovati nel bresciano, a distanza di due mesi dal delitto. Nel post di Facebook ci sono anche gli estremi Iban. I funerali non sono ancora stati fissati.

Carol Maltesi, il padre Fabio scrive al killer Davide Fontana: «Ti aspetto quando esci dal carcere, anche dopo 30 anni»

Carol Maltesi, il padre si rivolge al killer 

«Nessuna pietà per questo mostro... Diavolo maledetto, assassino psicopatico, macellaio schifoso, come ti sei permesso di togliere la vita e torturare il bel viso e il corpo della mia bimba, anche dopo la sua morte», aveva scritto giorni fa Fabio dall'Olanda, dove vive da diversi anni, sulla sua bacheca, augurando all'omicida reo confesso della figlia il peggiore destino. È come se lo avesse avuto davanti, quando ha digitato una frase livorosa dietro l'altra, tra una domanda («perchè non ci hai provato con me pezzo di...?») e una minaccia: «Ti aspetto quando esci dal carcere, anche dopo 30 anni, se non io qualcuno dei miei amici». I post su quanto ha fatto Fontana proseguono per giorni, e Maltesi lo maledice per aver deturpato il corpo della figlia e averla «torturata» dopo morta, distruggendo per sempre il suo «diamante».

 

Sono le parole di un padre arrabbiato e addolorato, lontano fisicamente ma che alla sua «principessa», come la chiamava, era legatissimo. Lo era lui quanto la sua ex moglie, madre di Carol che, prima tramite avvocato e poi da interviste televisive, ha raccontato il suo legame con quella giovane indipendente che voleva tornare a vivere accanto a suo figlio, avuto con un coetaneo di poco più di 20 anni. Quel suo progetto, quel desiderio di spostarsi in Veneto dove suo figlio vive con il papà, sono stati la sua condanna a morte. Lo ha dichiarato il suo assassino durante i tre interrogatori sostenuti dal suo arresto, i primi due con pm e gip di Brescia, il terzo con i magistrati di Busto Arsizio (Varese), che hanno ereditato il fascicolo dell'inchiesta per competenza territoriale. Fontana, secondo quanto dichiarato dal suo avvocato, nel terzo confronto con gli inquirenti ha avuto un «crollo emotivo», e si è dato del vigliacco per non aver chiamato subito i soccorsi, dopo quanto accaduto nella sua abitazione affittata per stare vicino alla donna di cui affermava di essersi innamorato.

 

Le indagini

Ed è proprio nell'appartamento di Rescaldina che la scorsa settimana gli investigatori della scientifica dell'Arma sono andati insieme al Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio Carlo Nocerino, alla ricerca di prove ed elementi che suffragassero le dichiarazioni del killer, in parte riuscendoci nell'immediato, che poi saranno refertate nelle prossime settimane. Sentite tutte le persone vicine alla giovane uccisa e al suo omicida, inclusa la ex moglie dell'uomo, evidentemente sconvolta. Oggi le indagini si concentrano anche sui device di vittima e carnefice, per comprendere se Carol si sentisse in qualche modo minacciata da Fontana, se avesse parlato con qualcuno della sua presunta ossessione per lei, e della sua gelosia per le frequentazioni che la ragazza aveva messo in chiaro di volere, dopo una breve liaison con il 43 enne. Allo stesso modo, tra pc e telefono dell'omicida, gli inquirenti cercheranno tracce di un'eventuale premeditazione del delitto, passando al setaccio tutta la sua cronologia di ricerca anche in merito alle scelte operate per i tentativi di cancellare l'identità della giovane e per la distruzione del suo cadavere. Le sue azioni e le sue successive parole, hanno scatenato la rabbia del padre di Carol, che tra una foto ricordo della figlia e una canzone a lei dedicata, sui social afferma che per «il mostro non ci deve essere alcuna pietà»

Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 09:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA