Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Christian Milone, con la bici contro un'auto: lo chef stellato è in coma a Torino

Mercoledì 8 Giugno 2022
Christian Milone, con la bici contro un'auto: lo chef stellato è in coma a Torino

Christian Milone, chef stellato, è in coma farmacologico: l'uomo è infatti ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale Cto di Torino, dopo un grave incidente stradale avvenuto a Pinerolo sulla strada provinciale 129 per Buriasco, dove abita.

Natale Giunta, lo chef cade in una buca con il monopattino a Palermo: «Naso rotto e traumi ovunque»

Alessio Madeddu, lo chef massacrato a colpi d'ascia. «Una spedizione punitiva»

 

Due i suoi grandi amori: la cucina e la bicicletta. E proprio mentre pedalava, lo chef Christian Milone, 43 anni di Pinerolo, nel Torinese, è stato investito da un'auto. Si trova ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale traumatologico di Torino, il Cto.

Milone il 6 giugno si trovava sulla strada provinciale 129 per Buriasco (Torino), vicino alla sua abitazione, quando è stato travolto. Trasportato in elicottero all'ospedale torinese, i neurochirurghi l'hanno sottoposto a un delicato intervento. Milone appartiene a una famiglia di ristoratori e dal 2006 è cuoco della 'Trattoria Zappatorì, sotto i portici di corso Torino, a Pinerolo.

Molti i premi e riconoscimenti internazionali, tra tutti una stella della celebre Guida Michelin, conquistata nel 2016. Considerato un enfant prodige della cucina italiana, i fornelli non sono però la sua unica priorità: c'è anche il ciclismo. Alla bicicletta si era avvicinato ancora adolescente, per combattere l'obesità.

«A quattordici anni avevo bisogno di trovare qualcosa che mi stimolasse a dimagrire - era solito raccontare di sé - e un giorno, di fronte alla Trattoria Zappatori, che era già dei miei genitori, passò una tappa del Giro d'Italia, la Pinerolo-Sestriere, vinta da Miguel Indurain».

Fu subito innamoramento: «Vidi questi ciclisti sfrecciare davanti a me con le loro biciclette futuristiche e me ne innamorai». Da lì la decisione di correre in bici, comunicata immediatamente ai genitori. «Nessuno - proseguiva il racconto - mi prese sul serio: d'altronde lo sport non faceva tanto parte del nostro dna. Quindi chiesi in prestito a un amico di famiglia la vecchia bici da corsa che teneva in cantina. Mi misi talmente d'impegno che in quattro mesi persi 25 chili. A quel punto i miei capirono che facevo sul serio e mi comprarono una bicicletta tutta mia». Pedalando Milone diventa così un ciclista professionista e nel 2002 corre anche il Giro d'Italia, come i suoi eroi di quando era ragazzo e aveva soltanto il coraggio di sognarlo. Le due ruote poi sono diventate un hobby, a cui però non rinunciava, e appena era fuori dalla cucina saliva in sella. «Ci siamo tanto amati, mi ha dato tanto - sono sempre parole sue - e io ho dato tanto a lei.

Oggi è una presenza costante, con qualche momento di ritorno di fiamma». Sull'incidente stanno indagando i carabinieri della compagnia di Pinerolo, per ricostruire innanzitutto la dinamica dell'incidente.

Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA