Roma, ex preside racconta: «Denunciai gli abusi degli Spada, dieci anni da incubo e nessuno mi aiutò»

ARTICOLI CORRELATI
Dieci anni fa Armando Spada si presentò sotto casa di Lucia Salvati urlando e minacciando lei e i figli per spalleggiare i vicini che avevano compiuto abusi edilizi nella villetta accanto. All'epoca fuori dall'Infernetto, poco lontano da Ostia, pochi conoscevano gli Spada, il clan assurto agli onori delle cronache con l'aggressione alla troupe della Rai.

Salvati, preside in pensione, ha 76 anni e gli ultimi 12 li ha passati in buona parte a combattere contro l'arroganza della famiglia criminale sinti, riscontrando «l'indifferenza se non la collusione - dice - delle istituzioni». «Avevo denunciato fin dal 2005 gli abusi edilizi della coppia di vicini, compiuti con lavori assordanti e in spregio di tutte le regole - racconta la professoressa -. Avevano diviso la loro bifamiliare in 4 appartamenti e costruito un'abitazione abusiva dietro, affittata a immigrati. Le denunce andarono a vuoto, ma il 9 gennaio 2007 questo energumeno arrivò urlando 'Vi ammazzo tutti, gli amici miei li dovete lasciare stare'. Non sapevo chi fosse, minacciò i miei due figli; dopo abbiamo scoperto che era Armando Spada
».

Si tratta del cugino di Carmine e Roberto Spada: il primo, detto Romoletto, è il capoclan condannato a 10 anni per estorsione con l'aggravante del metodo mafioso, e il secondo autore della testata al giornalista Daniele Piervincenzi. Armando Spada, secondo la procura di Roma, forniva la manovalanza per le intimidazioni commissionate dal dirigente dell'ufficio tecnico del Municipio di Ostia Aldo Papalini, per togliere stabilimenti e concessioni balneari ai titolari e riassegnarle a imprenditori amici. «Quello è l'unico lotto che non l'ha mai voluto nessuno, lo sai di chi era quello là, no? È de quelli che avemo ammazzato, gli ultimi», dice Armando Spada a Papalini, intercettato dalle forze dell'ordine nell'ufficio tecnico nel 2012.

Spada è stato poi condannato a 5 anni e 8 mesi, ma non per omicidio. È questo il personaggio che testimonierà che il figlio della preside in pensione, Antonello De Pierro, aveva aggredito i vicini al fianco dei quali si era presentato minaccioso.
«Ci siamo mossi in un contesto completamente condizionato dagli Spada - dice De Pierro -. I vigili urbani non intervenivano sugli abusi, i carabinieri non specificavano nelle informative chi fosse Armando Spada - un maresciallo venne trasferito per questo -, al commissariato di Ostia negli anni successivi venne Antonio Franco, dirigente condannato l'anno scorso a 4 anni per peculato, falso e truffa e sotto inchiesta per corruzione (avrebbe preso migliaia di euro al mese da un imprenditore considerato vicino agli Spada, ndr)».

«I poliziotti intervenuti non vollero sequestrare il bastone con cui Spada aveva colpito mio fratello - prosegue De Pierro, giornalista e attivista per la legalità con L'Italia dei Diritti - e si rifiutarono anche di perquisirlo, avendo notato io il gesto di estrarre un coltello. Ci hanno accusato di stalking, di minacce, di tutto. Un incubo giudiziario in sede penale e civile che non è ancora finito e che ci è già costato decine di migliaia di euro in avvocati. Sempre con la sensazione che Armando Spada fosse un intoccabile».

La signora Salvati negli anni scorsi si è incatenata per protesta davanti al Tribunale di Ostia, poi di fronte al Campidoglio e anche sotto l'agenzia Ansa.
«Ho chiesto in tutti i modi giustizia - dice -, perché un cittadino onesto e che ha sempre insegnato il rispetto della legalità ai propri alunni a scuola, per decenni, non deve trovarsi solo di fronte alla prepotenza dei criminali e alle istituzioni che sono assenti».
Martedì 14 Novembre 2017, 14:12 - Ultimo aggiornamento: 14-11-2017 19:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-11-15 13:54:15
ma che ti denunci??? ma non sa che criminalità e istituzioni sono tutta una cosa???? poi c'è il genio minniti, noto esponente di casa pound, che per assicurare un regolare svolgimento del ballottaggio ha deciso d'inviare poliziotti in borghese!!! divertente!!! si nasconderanno dentro i cabine si faranno attaccare al soffitto per non essere visti??? infatti gente sconosciuta che staziona per tutta la giornata nei seggi è facile che passi inosservata!!! nemmeno nei film del grande totò si era mai visto niente del genere!!!!
2017-11-15 07:37:02
E fate anche appelli alla denuncia ?,arriveremo un giorno a farci giustizia da soli?senza Stato?
2017-11-14 15:50:59
Ma non capite che lo stato e' assente perche' con questi pendagli da forca ci convive e ci mangia?!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
2017-11-14 14:40:45
La criminalità "olia" per assicurarsi l'impunità. Per le istituzioni il cittadino rompe.

QUICKMAP