Clochard dato alle fiamme, ergastolo ai tre imputati. Picchiato e ucciso per una sigaretta negata

Martedì 1 Dicembre 2020
Clochard dato alle fiamme, ergastolo ai tre imputati. Picchiato e ucciso per una sigaretta negata

Vasile Todirean, senzatetto romeno, morì l'8 luglio 2019 dopo essere stato bruciato vivo dopo una lite: due mesi e mezzo di agonia, poi la morte. Per il suo omicidio sono stati condannati all'ergastolo tutti e tre gli imputati: la sentenza, emessa ieri sera a tarda sera dalla Corte d'Assise di Verona, presieduta da Sandro Sperandio, ha accolto in pieno le richieste del pubblico ministero Elvira Vitulli. 

 

I condannati sono Liliano Bosoni, 64 anni, il romeno Cristian Tuca, 60 anni, entrambi senza fissa dimora, e il villafranchese Eros De Mori, 43 anni, che sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio pluriaggravato. L'omicidio venne compiuto dal «branco» per futili motivi (una sigaretta negata) e la vittima venne brutalmente picchiata per un'ora e poi data alle fiamme con un accendino. I giudici hanno riconosciuto anche il risarcimento provvisionale alle parti civili, uno zio della vittima e il Comune di Villafranca. I difensori degli imputati, come riportano i quotidiani locali, hanno già preannunciato ricorso in appello. 

Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA