Giustizia, i concorsi beffa che premiano i più anziani: decine di 60enni in graduatoria

Giovedì 31 Dicembre 2020 di Andrea Bassi
Giustizia, i concorsi beffa che premiano i più anziani

Provate a immaginare questo. Un giovane laureato con il massimo dei voti, che dopo la laurea, non appagato, ha deciso di proseguire gli studi con una specializzazione. Immaginate che abbia vinto anche una borsa di ricerca e magari, nei ritagli di tempo, abbia partecipato anche a un master. Immaginate, insomma, che sia uno dei quei trentenni iper-formati che, a parole, ogni governo dice di voler trattenere in Italia evitando che vadano a...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 08:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA