Concorso alla Sapienza, Conte non ha rinunciato. «Esame d'inglese solo rinviato»

Concorso alla Sapienza, Conte non ha rinunciato. «Esame d'inglese solo rinviato»
ARTICOLI CORRELATI
di Mario Ajello

0
  • 54
Il premier e prof Giuseppe Conte considera un suo diritto trasferirsi, dopo l'aspettativa per il ruolo politico che sta ricoprendo, dall'università di Firenze a quella di Roma. Dunque oggi non ha sostenuto il test d'inglese a La Sapienza, a cui è pera stato ammesso come prova finale insieme a altri due candidati alla cattedra di Diritto civile che è stata di Guido Alpa, però - come informa il sito Politico.eu - non ha rinunciato a gareggiare per questo prestigioso incarico.

LEGGI ANCHE: New York Times: «Il premier Conte sta cercando un lavoro di riserva?»

Prima ha detto: "Il mio nuovo ruolo di presidente del consiglio mi impone di riconsiderare la domanda" di trasferimento. Il che ha fatto pensare che Conte volesse rinunciare alla possibilità del concorso e al passaggio, nel caso avesse superato gli altri due sfidanti (Giovanni Perlingieri e Mauro Orlandi) da  Firenze a  Roma, sempre come docente ordinario. Poi, adesso, stando a Politico.eu, ha chiesto di rinviare il test d'inglese che avrebbe dovuto sostenere stamani. Rinviarlo, si può supporre, a quando non sarà più premier. Come prenderanno gli altri due concorrenti questa richiesta di rinvio? Faranno ricorso? Al momento c'è un premier che, anche per dare più peso al proprio rango, non intende rinunciare a diventare professore in uno degli atenei più prestigiosi in materia di  Diritto privato e che ha visto, prima di lui, altri capi del governo in cattedra.
Lunedì 10 Settembre 2018, 14:16 - Ultimo aggiornamento: 10-09-2018 19:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP