Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, il barbiere di Potenza a Conte: «Perché devo stare chiuso con 0 positivi?»

Mercoledì 29 Aprile 2020 di Tonino Miglionico
Coronavirus, il barbiere di Potenza a Conte: «Perché devo stare chiuso con 0 positivi?»

Caro Presidente Conte,
mi chiamo Tonino Miglionico, 60 anni, sposato e padre di due figlie. Professione barbiere. Lo so che con tutti i problemi che ora ha l’Italia prestare attenzione a chi maneggia forbici e rasoi è forse chiedere troppo. Certo, tagliarsi i capelli non è considerato bene di prima necessità come fare la spesa per mangiare. Ma con questo mestiere mangiamo io e la mia famiglia dal ‘78, da quando ho alzato per la prima volta la saracinesca del mio salone in centro, a Potenza.

LEGGI ANCHE La protesta dei barbieri: «Non resistiamo fino al primo giugno»

Mi domando e le domando: va bene essere cauti perché questo virus ha già fatto troppi danni e spedito all'altro mondo migliaia di persone, anche alcuni dei miei amici e dei miei stessi clienti. Ma perché costringerci a stare chiusi se, per esempio, nella mia regione, l'epidemia è sotto controllo e da tre giorni in tutta la Basilicata si registrano zero contagi? Le dico: lavoro da solo e, già da tempo, solo su appuntamento. Chi è interessato mi ha sempre chiamato al telefono, abbiamo stabilito ora e tipo di prestazione e tutti sono andati via felici e soddisfatti. Nessun rischio, nessun assembramento o contatto oltre il necessario. Ma tanta cura, quella sì. Ai miei clienti dedico tempo e applicazione perché, lo sanno tutti, sedersi sulla poltrona del barbiere è un po' come stendersi sul lettino dello psicanalista: si parla, si discute, ci si apre. Insomma, si recupera quel contatto umano che questa lunga quarantena sembra aver sepolto in soffitta. Glielo dico - caro Presidente Conte - perché qui da noi non c'è nessun pericolo: un salone aperto, tutti in mascherina, e regolare fattura servono a dare un po' di fiducia in più a questo Paese che vuol ripartire. E poi, lo ammetto: non posso permettermi altri mesi di stop. Già qualche anno fa sono rimasto fermo per lungo tempo a causa di un brutto infortunio che mi ha impedito di lavorare. E se ce l'ho fatta a non annegare è stato grazie a qualche piccolo risparmio familiare e all'aiuto dei miei genitori. Ma ora è tutto più difficile e non so fino a quando potrò resistere.
 


Ci pensi, caro Presidente, e se capita da queste parti mi venga a trovare. Scoprirà come può essere rilassante un leggero colpo di forbici tra le pareti pastello del mio salone con quegli angoli della Potenza dell'Ottocento ritratti da Porta Salza. E i prezzi sono rimasti quelli di undici anni fa: 18 euro taglio e shampoo, 5 euro per la barba. Qui, modestamente, si sono formate generazioni di barbieri. Poi ognuno ha preso la sua strada. Non ci deluda, Presidente. Glielo prometto: faremo tutte le sanificazioni necessarie, spenderemo quanto serve ma ci faccia ripartire. C'è la famiglia da mandare avanti e il fitto da pagare. A proposito: se sente qualcuno all'Inps gli dica anche che ho fatto richiesta per i 600 euro. Ma non sono arrivati neanche quelli.

Ultimo aggiornamento: 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA