CORONAVIRUS

Coronavirus Codogno, il sindaco: «Siamo esterrefatti dal Governo, la gente aspetta ancora un sostegno economico»

Domenica 29 Marzo 2020
Coronavirus Codogno, il sindaco: «Siamo esterrefatti dal Governo, la gente aspetta ancora un sostegno economico»

Codogno è in ginocchio. «Dopo un annuncio fatto a reti unificate ancora non si sa nulla, non c'è nemmeno una lettera, una circolare, un pizzino che ci dia risposte. Restiamo ancora una volta esterrefatti e basiti, qui c'é gente che da diverse settimane sta aspettando un sostegno, tra criticità e nuove situazioni di povertà». Così Francesco Passerini sindaco di Codogno commentando l'annuncio dei 4,3 milioni di euro garantiti ai comuni per l'emergenza alimentare e i buoni spesa dopo l'esplosione del coronavirus. «Parliamo di persone che vivono del proprio lavoro - spiega - con le attività chiuse ormai da trentasei giorni e con inevitabili, grossi problemi di liquidità. È un trend che aumenta perché più questo periodo dura meno riserve di liquidità ci sono. Vogliamo capire come questi soldi possono essere erogati, se arrivano direttamente al cittadino, se attraverso una rete di servizi sociali coinvolta, se vengono dati direttamente i criteri di suddivisione su ottomila comuni, visto che se metti a disposizione 4milioni di euro sono 6,70 a testa, spalmati equamente sugli ottomila comuni d'Italia. Ad oggi c'è un punto di domanda grosso come una casa». 

Il Covid-19 era in Italia da gennaio, prima che emergessero i casi di Codogno

Coronavirus Bergamo, il sindaco Gori: «La sanità in Lombardia mostra tutti i suoi limiti, molti muoiono a casa»

Un annuncio arrivato a sorpresa perfino per gli stessi beneficiari: «Io stesso, come tutti gli italiani, ho scoperto dei soldi ai Comuni ieri sera guardando la televisione - conferma il primo cittadino Passerini - Per carità, non mi aspetto certo che Conte chiami il sindaco di Codogno, ma la stessa Anci con la quale si era detto fosse stata concordata la manovra, pare non saperne nulla. Guerra, il presidente dell'Anci Lombardia, ha scritto ieri sulla chat dei sindaci di capoluogo per chiedere notizie». «Di questi soldi annunciati non sappiamo ancora né come né quanti ne arrivanno, tantomeno come poi eventualmente potremo distribuirli ai cittadini - denuncia ancora il sindaco - È assurdo, pensavo l'ultima volta fosse stato raggiunto l'apice con la conferenza stampa fatta in fretta e in furia la sera con il relativo decreto uscito tre giorni dopo. Ci troviamo invece nella stessa situazione. Speriamo almeno i soldi destinati arrivino presto, se non altro dopo un annuncio a reti unificate».
 

Ultimo aggiornamento: 16:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA