CORONAVIRUS

Coronavirus Italia, bollettino: contagi in aumento (523), via ai test negli aeroporti. Spettro nuovi lockdown

Giovedì 13 Agosto 2020
Coronavirus Italia, il bollettino: forte aumento dei casi (523), le vittime sono 6

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 13 agosto 2020. Sono 523 i nuovi casi di coronavirus in Italia, con un incremento di 42 unità rispetto a ieri, quando i casi segnalati sono stati 481. Complessivamente sono 252.235 le persone che hanno contratto il virus.Le vittime odierne sono 6 (ieri erano 10), che portano il computo complessivo a 35.231. Nelle ultime 24 ore si registrano 226 guariti, per un totale di 202.923 da inizio emergenza. Sono 55 le persone attualmente in terapia intensiva, 2 in più di ieri. I tamponi effettuati oggi sono 51.188. Tra le regioni solo la Valle d'Aosta non fa registrare nuovi casi mentre i maggiori incrementi si registrano in Veneto (+84), Lombardia (+74), Liguria (+63) e Sicilia (+42).

LEGGI ANCHE Coronavirus, Lopalco: «In Puglia innesco della seconda ondata, contenere la mareggiata»


 

Una situazione di «transizione con tendenza ad un progressivo peggioramento»: è quanto si legge nel rapporto di Monitoraggio del Ministero della Salute e dell'Iss sulle infezioni da Covid in Italia nella settimana dal 3 al 9 agosto Le infezioni contratte nella seconda metà di luglio 2020, mostrano «importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione». «È essenziale mantenere elevata l'attenzione e continuare a rafforzare le attività di contact tracing (ricerca dei contatti) in modo da identificare precocemente tutti i potenziali focolai di trasmissione e continuare a controllare l'epidemia, si legge.
 

Test in porti e aeroporti


Nei prossimi giorni, nei principali aeroporti, nei porti e linee di confine, in via sperimentale si potranno trovare postazioni per eseguire i test rapidi per chi è sprovvisto dell'attestazione del test eseguito prima della partenza e risultato negativo. Lo comunica il ministero della Salute, in un approfondimento sull'ordinanza firmata ieri dal ministro Roberto Speranza, che stabilisce per chi arriva in Italia dopo essere stato in Grecia, Croazia, Spagna o Malta l'obbligo di sottoporsi a tampone per verificare l'eventuale contagio da Covid-19.

Per chi è diretto in Italia e proviene da Spagna, Grecia, Croazia e Malta - spiega il ministero - è consigliabile presentarsi all'imbarco in aeroporto con l'attestazione di un test (molecolare o antigenico) eseguito nelle 72 ore prima e risultato negativo. In questo modo si eviteranno attese o trafile, una volta arrivati in Italia. Chi non abbia eseguito un test prima di partire, una volta arrivato in Italia dovrà telefonare ai numeri regionali presenti sul sito web del ministero della Salute consultabili nella sezione "A chi rivolgersi" o sui siti web delle singole Regioni per segnalare il suo ritorno da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. La Asl competente lo sottoporrà a un test diagnostico entro 48 ore come previsto dall'ordinanza.


I dati delle Regioni


Lombardia

In Lombardia nelle ultime 24 ore si registrano 74 nuovi casi di positività al coronavirus, di cui 14 "debolmente positivi" e 4 a seguito di test sierologico. I positivi ieri erano 102. Lo rende noto Regione Lombardia. Due le vittime: i decessi complessivi salgono a 16.835. Sono 54 le persone guarite o dimesse, mentre sale di 1 il numero dei pazienti in intensiva e di 5 quello delle persone ricoverate in altri reparti. Sul fronte territoriale, a Como, Cremona, Lodi e Sondrio si registra un solo contagio, mentre a Milano sono 28, di cui 14 in città, a Brescia e Mantova 8, a Varese 7, a Bergamo, Monza e Pavia 3, a Lecco 2. 
LEGGI ANCHE Coronavirus Lombardia, il bollettino: 74 positivi (-28 rispetto a ieri) e 2 morti


Lazio

«Oggi registriamo 36 casi e un decesso. Di questi 22 sono di importazione o riguardano giovani di rientro dalle vacanze: quattro i casi di rientro da Malta, tre da Corfù e uno da Grecia, due casi da Ibiza e due da Barcellona, due da Francia, due i casi da Ucraina, un caso da Germania, un caso da Romania, un caso da Albania, un caso da Bulgaria e due casi da Sri Lanka». A comunicarlo è l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

LEGGI ANCHE Coronavirus Roma: 21 casi, nel Lazio 36 di cui 22 di rientro dall'estero. D'Amato: «A Ferragosto evitate assembramenti»


Veneto

Il Veneto registra due decessi e 84 nuovi positivi sul fronte del Coronavirus portando i primi a 2.094 complessivi e i secondi a 280.885. Lo ha detto il Presidente del Veneto, Luca Zaia, aggiornando i dati diffusi dalla Regione nella conferenza stampa che ha tenuto oggi nella sede della Protezione Civile. Finora sono stati fatti 1.342 tamponi ai quali vanno aggiunti circa 1.200.000 test rapidi. In isolamento, dal 21 febbraio, ci sono 5.900 persone delle quali 124 con sintomatologia da Covid-19 . I ricoverati sono 113 di cui 83 negativi, 7 sono attualmente in terapia intensiva di cui 6 positivi e uno negativo.


Piemonte

È di un decesso e di 26 nuovi contagi il bilancio delle ultime 24 ore dell'emergenza coronavirus in Piemonte. Lo rende noto l'Unità di crisi regionale, che registra anche 21 nuovi guariti e altri 590 in via di guarigione. Dall'inizio dell'emergenza i decessi in Piemonte di persone positive al Covid 19 sono 4.139, i positivi 31.982. Dei nuovi positivi, 22 sono gli asintomatici, 17 contatti di caso e 4 i casi importati. I ricoverati in terapia intensiva sono sempre tre, quelli non in terapia intensiva 77 (+1 rispetto ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 784. I tamponi diagnostici finora processati sono 530.384, di cui 290.974 risultati negativi.


Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati rilevati 15 nuovi contagi, di cui 11 contratti fuori regione. Le persone attualmente positive sono 182, 12 più di ieri. Tre pazienti risultano in cura in terapia intensiva e 7 sono invece i ricoverati in altri reparti. Non si sono registrati nuovi decessi (348 in totale). Lo comunica il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Analizzando i dati complessivi dall'inizio dell'epidemia, le persone risultate positive al virus sono 3.476: 1.425 a Trieste, 1.068 a Udine, 750 a Pordenone e 230 a Gorizia, alle quali si aggiungono un cittadino comunitario già rientrato nel proprio Paese e due residenti fuori regione. I totalmente guariti ammontano a 2.946, i clinicamente guariti sono 6 e le persone in isolamento 166. I deceduti sono 197 a Trieste, 77 a Udine, 68 a Pordenone e 6 a Gorizia.


Campania

Sono 27 i positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Campania. Nove casi sono legati alla struttura sanitaria di Acerra, nel Napoletano (6 ieri e 3 oggi). I tamponi del giorno sono stati 1.708. Il totale dei positivi finora in Campania è di 5.170 su un complessivo di 354.546 tamponi. Nessun decesso, il bilancio resta a 440. I guariti del giorno sono 4, il totale arriva a 4.283.


Calabria

Aumentano i casi di coronavirus in Calabria. Sono 12,nelle ultime 24 ore - riferisce il Bollettino della Regione - le persone risultate positive che portano il totale dei contagiati dall'inizio dell'epidemia a 1.316. Nella regione, ad oggi sono stati effettuati 129.359 tamponi, di cui 128.043 con esito negativo.Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: Catanzaro: 4 in reparto, 2 in isolamento domiciliare, 184 guariti e 33 deceduti; Cosenza: uno in reparto, 25 in isolamento domiciliare, 437 guariti e 34 deceduti; Reggio Calabria: 2 in reparto, 27 in isolamento domiciliare, 270 guariti e 19 deceduti; Crotone: 4 in isolamento domiciliare, 114 guariti e 6 deceduti; Vibo Valentia: 4 in isolamento domiciliare, 82 guariti e 5 deceduti. Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 9.624. 4

E nove nuovi casi positivi al coronavirus sono stati rilevati, anche tra i sanitari, nel Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Lo ha comunicato in serata la direzione dell'ospedale informando che è stato deciso di «intensificare le misure di sicurezza già adottate». «Si sta inoltre procedendo - è detto in un comunicato - a sottoporre a tampone tutti i ricoverati e tutto il personale, a partire dai reparti interessati. La nuova contingenza obbliga la restrizione delle presenze di familiari ed accompagnatori dei pazienti all'interno dei presidi ospedalieri del Gom e l'attivazione di un unico ingresso al fine di monitorare in modo più efficace, attraverso l'installazione di uno specifico portale termo scanner, le persone che devono inderogabilmente fruire dei servizi sanitari nonché il personale ospedaliero.Fino ad ulteriore comunicazione, sono nuovamente sospese le attività specialistiche ambulatoriali e l'attività intramoenia». I nove nuovi casi sono stati rilevati nelle ore successive alla trasmissione del bollettino quotidiano alla Regione Calabria ed alla sua conseguente pubblicazione attraverso i canali ufficiali. «Di fronte a tale incremento, che coinvolge tra gli altri anche operatori sanitari - riporta ancora il comunicato - è stato deciso di intensificare le misure di sicurezza già adottate». La direzione aziendale del Gom «invita la popolazione ad usufruire dei servizi ospedalieri, in particolare del Pronto Soccorso, solo in caso di effettiva necessità al fine di evitare che l'ospedale possa diventare un potenziale centro di diffusione del contagio. Infine, in considerazione della delicatezza del ruolo ricoperto nel contrasto alla pandemia, la Direzione invita tutti gli operatori sanitari a comportamenti e stili di vita adeguati alla necessità».
 

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 09:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA