Covid, il bollettino di oggi 21 gennaio 2022: 179.106 casi e 373 morti. Tasso di positività al 16%

Sono 1.117.553 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore

Venerdì 21 Gennaio 2022
Covid, il bollettino: quattro regioni a rischio zona arancione

Covid in Italia, il bollettino di oggi venerdì 21 gennaio 2022. Sono 179.106 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 188.797. Le vittime sono invece 373, mentre ieri erano state 385. Secondo il bollettino del ministero della Salute, sono 2.695.703 gli attualmente positivi al Covid in Italia, con un incremento di 13.662 nelle ultime 24 ore. Dall'inizio della pandemia i casi totali sono 9.603.856 mentre i morti sono 142.963. I dimessi e i guariti sono invece 6.765.190, con un incremento di 171.565 rispetto a ieri. Il tasso di positività è al 16%.

 

Il punto sui ricoveri

L'Abruzzo è arrivato al 31% per l'area medica e al 22,2% per le terapie intensive e ha un'incidenza a 7 giorni di 1.978 casi per 100mila abitanti: il Piemonte è al 30% per i ricoveri, al 22,8% per le intensive e ha un'incidenza di 2.259 per 100mila negli ultimi 7 giorni; Il Friuli Venezia Giulia è al 33,6% per i ricoveri, al 22,9% per le rianimazioni e ha una incidenza 2.451 su 100mila, infine la Sicilia è al 33,6%, al 20,2% e ha una incidenza di 1.169 su 100mila. La Valle d'Aosta è al 54,5% per le aree mediche ma si è fermata al 18% per le terapia intensive. Dovrebbe quindi evitare la temuta zona rossa. L'elenco dell'Italia in giallo è ad oggi molto lungo: Campania, Lombardia, Lazio, Toscana, Valle d'Aosta. Emilia Romagna, Liguria, Marche, Veneto, Calabria, province autonome di Trento e Bolzano. In zona bianca invece: Basilicata, Molise, Puglia, Sardegna e Umbria.

Lombardia

Con 202.298 tamponi effettuati è di 32.677 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in calo al 16,1% (ieri 21,99%). Aumentano i ricoverati in terapia intensiva (+5, 276) e diminuiscono nei reparti (-216, 3.503). Sono 121 i decessi, che portano il totale delle vittime a 36.378 da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 9.941 i positivi segnalati a Milano (di cui 3.772 a Milano città), 4.026 a Bergamo, 4.187 a Brescia, 1.712 a Como, 1.252 a Cremona, 791 a Lecco, 693 a Lodi, 1.542 a Mantova, 2.635 a Monza e Brianza, 1.837 a Pavia, 540 a Sondrio e 2.629 a Varese. 

Lazio 

«Oggi nel Lazio su 22.501 tamponi molecolari e 78.377 tamponi antigienici per un totale di 100.878 tamponi, si registrano 15.314 nuovi casi positivi (+1.891), sono 26 i decessi (+11), 1946 i ricoverati (+31) , 207 le terapie intensive (+5) e +5.161 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 15,1 %. I casi a Roma città sono a quota 7.916. Il Lazio ha il valore Rt più basso d'Italia (0.64), è un segnale incoraggiante che potrebbe indicare una inversione di tendenza». Lo comunica in una nota l'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. 

Campania

Sono 13.682, in Campania, i casi positivi, al Covid su 90856 test esaminati, tra antigenici e molecolari. Cala il tasso di incidenza che ieri era pari al 16,52% ed oggi è 15,05%. Ventuno i decessi. Negli ospedali continuano a salire i ricoveri in terapia intensiva, che salgono a 100 (+1 rispetto a ieri), e anche in degenza dove i posti letto occupati sono 1339 (+8 rispetto a ieri). 

Abruzzo

Sono 3.748 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Abruzzo. Del totale, 2.371 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari (8.184) e test antigenici (22.458), è pari a 12,23%. Dodici i decessi recenti, che fanno salire il bilancio delle vittime a 2.738. Dopo giorni in crescita, si registra un brusco calo dei ricoveri, che sono complessivamente 27 in meno rispetto a ieri. I nuovi positivi hanno età compresa tra 2 mesi e 102 anni. Gli attualmente positivi sono 84.877 (+3.418): il dato comprende anche 72.024 casi riguardanti pazienti persi al follow up e sui quali sono in corso verifiche. Del totale, 396 pazienti (-22 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica e 35 (-5) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 84.536 (+3.535) sono in isolamento domiciliare. Dei dodici decessi, nove riguardano persone di età compresa tra 63 e 93 anni - tre in provincia di Pescara, tre in provincia di Chieti, due in provincia dell'Aquila e una residente fuori regione - mentre gli altri tre risalgono ai giorni scorsi, ma sono stati comunicati solo oggi dalle Asl. I guariti sono 96.981 (+221). Il totale dei casi accertati dall'inizio dell'emergenza ad oggi sale a 184.596: 39.206 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+724 rispetto a ieri), 50.517 in provincia di Chieti (+1120), 43.851 in provincia di Pescara (+863), 46.105 in provincia di Teramo (+918) e 2.364 fuori regione (+37), mentre per 2.553 (+79) sono in corso verifiche sulla provenienza. 

 

 

 

Puglia 

Oggi in Puglia si registrano 8.423 nuovi contagi su 72.066 test (incidenza dell'11,7%) e 12 morti. Delle 133.218 persone attualmente positive 712 sono ricoverate in area non critica (ieri 691) e 67 in terapia intensiva (ieri 63). I nuovi casi sono così distribuiti: in provincia di Bari 2.663, nella provincia Barletta-Andria-Trani 998, in quella di Brindisi 706, in quella di Foggia 1.307, nel Leccese 1.545 e nel Tarantino 1.102. Tra i residenti fuori regione ci sono 45 contagiati e per altri 57 la provincia è in via di definizione.

Basilicata

Sono 1.397 i nuovi positivi al covid-19 in Basilicata, emersi dall'esame di 6.910 tamponi (molecolari e antigenici) processati ieri: il dato è contenuto nel bollettino della task force regionale, che registra anche un altro decesso e 908 guarigioni. Le persone ricoverate negli ospedali di Potenza e di Matera sono 93 (due meno di ieri), tre (come ieri) delle quali sono curate in terapia intensiva. Ieri sono state effettuate 5.254 vaccinazioni: «Sono 457.312 i lucani che hanno ricevuto la prima dose del vaccino (82,7 per cento), 418.987 quelli che hanno ricevuto anche la seconda dose (75,7 per cento) e 255.578 (46,2 per cento) quelli che hanno ricevuto la terza dose».

Friuli Venezia Giulia 

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 11.094 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.324 nuovi contagi, con una percentuale di positività dell'11,9 %. Sono inoltre 18.158 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 3.388 casi (18,6%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 40 di cui 34 non vaccinate e i pazienti ospedalizzati in altri reparti scendono a 426. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Per quanto riguarda l'andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia d'età più colpita è quella da 40-49 anni (18%) seguita da 50-59 anni (15,45%), 30-39 anni (14,28%) e 20-29 (10,72%). Oggi si registrano i decessi di 6 persone: un uomo di 88 anni di Magnano in Riviera (deceduto in ospedale), una donna di 85 anni di Rivignano-Teor (deceduta in ospedale), una donna di 83 anni di Gorizia (deceduta in ospedale), una donna di 81 anni di Grado (deceduta in una Rsa), un uomo di 80 anni di Trieste (deceduto in ospedale) e una donna di 75 anni di Tricesimo (deceduta in una casa di risposo). I decessi complessivamente ammontano a 4.388, con la seguente suddivisione territoriale: 1.061 a Trieste, 2.132 a Udine, 830 a Pordenone e 365 a Gorizia. I totalmente guariti sono 166.727, i clinicamente guariti 735, mentre le persone in isolamento sono 57.762. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 230.078 persone con la seguente suddivisione territoriale: 51.649 a Trieste, 96.414 a Udine, 53.036 a Pordenone, 25.556 a Gorizia e 3.423 da fuori regione. Il totale dei positivi è stato ridotto di 11 unità a seguito di 5 tamponi molecolari negativi dopo il test antigenico positivo (2 casi nell'area triestina, 2 casi nell'udinese e uno nel pordenonese) e a seguito di 6 test positivi rimossi dopo revisione di un caso nel pordenonese, 4 nell'udinese e uno nell'area di Trieste.

IL BOLLETTINO IN PDF 

Toscana 

Sono 13.029, età media 34 anni, i nuovi casi di Coronavirus in Toscana dove oggi si registrano 34 decessi: 19 uomini e 15 donne con un'età media di 82,7 anni (11 a Firenze, 3 a Prato, 2 a Pistoia, 4 a Massa Carrara, 2 a Lucca, 3 a Pisa, 6 a Livorno, 1 a Arezzo, 2 a Grosseto). I ricoverati sono 1.465 (11 in più rispetto a ieri), di cui 125 in terapia intensiva (+1). Gli attualmente positivi sono 180.388, +0,2% rispetto a ieri. Dall'inizio dell'epidemia in Toscana sono 641.153 i casi di positività al Coronavirus e 7.983 i deceduti. I nuovi casi sono il 2,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 2,9% e raggiungono quota 452.782 (70,6% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 21.874 tamponi molecolari e 50.975 tamponi antigenici rapidi, di questi il 17,9% è risultato positivo. Sono invece 17.268 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 75,5% è risultato positivo. Continua a scendere l'età media dei nuovi positivi, arrivando oggi a 34 anni, e dei 13.029 nuovi positivi odierni il 31% ha meno di 20 anni, il 24% tra 20 e 39 anni, il 31% tra 40 e 59 anni, l'11% tra 60 e 79 anni,e il 3% ha 80 anni o più. A livello territoriale sono 193.038 i casi complessivi ad oggi a Firenze (+4.057), 50.788 a Prato (+793), 55.067 a Pistoia (+1.092), 30.462 a Massa (+450), 62.786 a Lucca (+1.166), 74.387 a Pisa (+1.481), 49.699 a Livorno (+1.380), 56.589 ad Arezzo (+1.148), 40.793 a Siena (+755), 26.989 a Grosseto (+707). Complessivamente, 178.923 persone (+386) sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi. Sono 45.941 (+5.098) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con contagiati.

Umbria 

Scendono ancora leggermente i ricoverati Covid in Umbria ora 208, cinque in meno di giovedì, mentre salgono a 12 da 11 i posti occupati in terapia intensiva e si registrano altri sette morti legati al virus. Lo riporta il sito della Regione. Nell'ultimo giorno sono stati registrati 2.211 nuovi casi di Covid, più 3,7 per cento rispetto alle 24 ore precedenti, e 2.554 guariti, con gli attualmente positivi che scendono a 25.599, 350 in meno. Sono stati analizzati 3.874 tamponi e 12.279 test antigenici, con un tasso di positività sul totale del 13,68 per cento (12,79 per cento giovedì). 

Sardegna 

In Sardegna si registrano oggi 1.610 ulteriori casi confermati di positività al covid, sulla base di 4.524 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 23578 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 30 ( lo stesso numero di ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 269 ( 4 in più di ieri ). 22161 sono i casi di isolamento domiciliare (276 in più di ieri). Si registrano 8 decessi: 1 uomo di 84 anni, residente nella provincia di Sassari; 1 uomo di 88 anni, residente nella provincia di Nuoro; 4 uomini e 1 donna, di 63, 79, 81, 95 e 68 anni, tutti residenti nella provincia del Sud Sardegna; 1 donna di 82 anni residente nella provincia di Oristano.

Trentino

Sono 2.375 i nuovi casi Covid in Trentino, individuati dai 13.391 tamponi (956 molecolari e 12.435 test rapidi) effettuati nelle ultime 24 ore. In ospedale vi sono 167 pazienti, di cui 23 in terapia intensiva. Non si registrano decessi. Lo ha riferito, in conferenza stampa, l'assessore alla sanità della Provincia di Trento, Stefania Segnana. «Nei giorni scorsi abbiamo parlato di un'allerta per il possibile passaggio del Trentino in zona arancione, ma gli ultimi dati confermano una stabilizzazione dei ricoveri, quindi rimaniamo in zona gialla», ha aggiunto il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti. Ieri, vi sono stati 16 nuovi ricoveri e 14 dimissioni. Non vi sono invece segnalazioni di nuovi casi di doppio contagio causato dalle varianti Delta e Omicron. «Delta sta diventando sempre più marginale dal punto di vista epidemiologico», ha precisato il direttore dell'azienda sanitaria, Antonio Ferro. 

Piemonte

Lieve calo dei pazienti ricoverati per Covid-19 in Piemonte: sono 142 in terapia intensiva (-1), 2.053 nei reparti ordinari (-3). Le persone in isolamento superano quota 170 mila (sono 170.290), gli attualmente positivi sono 172.485. L'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 14.675 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, pari al 14,3% dei 102.531 tamponi eseguiti. Gli asintomatici sono 12.419 (84,6%). In calo rispetto ai giorni scorsi i nuovi decessi, 25, uno dei quali di oggi, i nuovi guariti sono 14.536. Dall'inizio dell'emergenza, dunque, il Piemonte ha registrato 771.331 positivi, i decessi diventano 12.440, i guariti 586.406. 

Sicilia 

La Sicilia torna in zona arancione. Il bollettino diffuso dal Ministero della Salute registra oggi, nell'isola, 7.418 nuovi casi, 26 morti e 1.970 pazienti dimessi o guariti. In Sicilia, in totale, sono 202.439 i positivi - 5.422 in più rispetto a ieri - e di questi 1.417 sono ricoverati con sintomi, 170 in terapia intensiva (14 nuovi ingressi) e 200.852 sono in isolamento domiciliare. La provincia con più casi è Palermo (1.971), seguita da Catania (1.432). 

Friuli Venezia Giulia 

Oggi in Fvg su 11.094 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.324 nuovi contagi (11,9%). Sono inoltre 18.158 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 3.388 casi (18,6%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 40 di cui 34 non vaccinate e i pazienti ospedalizzati in altri reparti scendono a 426. Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. La fascia d'età più colpita è 40-49 anni (18%). Oggi si registrano 6 decessi: un uomo di 88 anni di Magnano in Riviera (deceduto in ospedale), una donna di 85 di Rivignano-Teor (ospedale), una di 83 di Gorizia (ospedale), una di 81 di Grado (Rsa), un uomo di 80 di Trieste (ospedale) e una donna di 75 di Tricesimo (casa di risposo). I decessi complessivamente ammontano a 4.388 di cui 1.061 a Trieste, 2.132 a Udine, 830 a Pordenone e 365 a Gorizia. I totalmente guariti sono 166.727, i clinicamente guariti 735, le persone in isolamento sono 57.762. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 230.078 persone di cui: 51.649 a Trieste, 96.414 a Udine, 53.036 a Pordenone, 25.556 a Gorizia e 3.423 da fuori regione. Il totale dei positivi è stato ridotto di 11 unità.

 

Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 08:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA