Covid, Iss: indice Rt sale a 1,15, in aumento anche l'incidenza settimanale. Tutte le Regioni sono a rischio moderato

Venerdì 5 Novembre 2021
Covid, Iss: indice Rt sale a 1,15, in aumento anche l'incidenza settimanale. Cresce occupazione terapie intensive

Rt in salita così come l'incidenza dei casi Covid in salita secondo il report settimanale dell'Iss. L'incidenza settimanale a livello nazionale è in risalita raggiungendo il valore di 53 casi per 100mila abitanti (29/10-04/11) contro 46 per 100.000 abitanti della scorsa settimana (22/10-28/10), dati flusso Ministero Salute. Nel periodo 13 ottobre - 26 ottobre 2021, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,15 (range 0,93 - 1,28), in aumento rispetto alla settimana precedente quando era stato di 0,96 e al di sopra della soglia epidemica. Questi i dati del monitoraggio della Cabina di regia comunicati dall'Iss.

Covid, l'ondata europea preoccupa l'Italia. Figliuolo: «Prepariamoci a vaccinare gli under 12»

Covid, i bambini ora sono i più colpiti. «Vacciniamo anche loro»

Terapie intensive in aumento

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 4,0% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 4 novembre) rispetto al 3,7% della settimana precedente (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 28/10). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 5,3% contro il 4,5% al 28/10. Il tasso di occupazione resta comunque sotto la soglia di allerta che è fissata al 10% per le terapie intensive e al 15% per i reparti di area medica. Dati in crescita che, però, si mantengono ben al di sotto dei nuovi parametri ritenuti valore di soglia critica dal ministero della Salute, fissati al 10% per le terapie intensive e al 15% per i reparti ordinari di area medica.

Regioni a rischio moderato

Tutte le Regioni/Province autonome risultano classificate a rischio moderato. È quanto emerge dal monitoraggio settimanale della cabina di regia, ministero della Salute e Istituto superiore di sanità ( Iss). 15 Regioni/Province autonome riportano un'allerta di resilienza. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza. Sono 13 le Regioni e Province autonome che questa settimana registrano un'incidenza di casi di Covid-19 sopra la soglia critica di allerta fissata a 50 casi su 100mila abitanti, soglia a partire dalla quale diventa difficile riuscire ad eseguire il tracciamento dei casi.

I valori maggiori si registrano nella Provincia autonoma di Bolzano, con 189,1 casi per 100mila abitanti, e in Friuli Venezia Giulia dove il valore dell'incidenza ha raggiunto 139,6 casi per 100mila abitanti. I valori più bassi si registrano invece in Molise (11,1) e Sardegna (14,8). Questi i valori dell'incidenza nelle Regioni e Province autonome secondo l'ultimo monitoraggio settimanale della Cabina di regia (aggiornamento al 4/11/2021): Abruzzo (49,7 per 100mila abitanti); Basilicata (27,0); Calabria (52,5); Campania (66,2); Emilia Romagna (56,1); Friuli Venezia Giulia (139,6); Lazio (63); Liguria (52,1); Lombardia (34); Marche (50,2); Molise (11,1); PA Bolzano (189,1); PA Trento (63); Piemonte (38); Puglia (31,9); Sardegna (14,8); Sicilia (51,7); Toscana (57,7); Umbria (51,4); Valle d'Aosta (22,6); Veneto (75,3).

Ultimo aggiornamento: 21:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA