Covid Italia, bollettino oggi 13 ottobre 2021: 2.772 nuovi casi e 37 morti, tasso di positività a 1%

Mercoledì 13 Ottobre 2021
Covid Italia, bollettino oggi 13 ottobre 2021

Covid Italia, il bollettino di oggi 13 ottobre 2021. Sono 2.772 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 2.494. Sono invece 37 le vittime in un giorno, ieri erano stata 49. Sono 278.945 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 315.285. Il tasso di positività è all'1%, in lieve aumento rispetto allo 0,79% di ieri. In Veneto sono stati rilevati 348 casi, in Lombardia 307 e in Sicilia 304.  Sono 367 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 3 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute sono 19 (ieri 21). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.552, rispetto a ieri sono 113 in meno.

SCARICA IL BOLLETTINO IN PDF

Gli attualmente positivi al Covid in Italia sono 80.451, con un calo di 2.095 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Dall'inizio della pandemia i casi sono 4.707.087, i morti 131.421. I dimessi e i guariti sono invece 4.495.215, con un incremento di 4.827 rispetto a ieri.

 

I dati delle Regioni

 

Veneto

Sono stati 348 i nuovi contagi Covid scoperti con i tamponi in Veneto nelle ultime 24 ore. Siregistra anche una vittima, che fa salire il totale dei decessi a 11.799. Gli infetti dall'inizio dell'epidemia sono invece 473.362. Lo riferisce il bollettino della Regione. Pressochè stabile il numero dei malati Covid ricoverati negli ospedali. Sui 238 totali, 200 sono in area non critica, mentre 38 sono in terapia intensiva. I soggetti attualmente positivi e in isolamento sono 9.123.

Lombardia

Con 53.236 tamponi effettuati è di 307 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in salita allo 0,58% (ieri 0,4%). In aumento i ricoverati in terapia intensiva (+3, 59) e in diminuzione nei reparti (-18, 315). Sono 5 i decessi che portano il totale a 34.098 morti da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 98 i positivi segnalati a Milano (di cui 45 a Milano città), 35 a Bergamo, 47 a Brescia, 11 a Como, 12 a Cremona, 10 a Lecco, 15 a Lodi, 6 a Mantova, 26 a Monza, 21 a Pavia, 4 a Sondrio e 10 a Varese.

Campania

Sono 280 i nuovi casi di coronavirus emersi ieri in Campania dall'analisi di 17.633 tamponi. Nel bollettino odierno diffuso dall'Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 4 nuovi decessi, 3 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e uno avvenuto in precedenza, ma registrato ieri. In Campania sono 17 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e 174 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

Emilia Romagna

C'è un lieve calo di ricoveri di pazienti con Covid-19 in Emilia-Romagna ma altri cinque morti con la sindrome causata dal coronavirus e contagi giornalieri che oggi tornano sopra i 200. È quanto emerge dal bollettino odierno della Regione. I nuovi casi di infezione sono 223 su oltre 19mila tamponi nelle ultime 24 ore, età media 47 anni. Tra le province Ravenna in testa con 81 nuovi casi, seguita da Bologna (29 più 2 del circondario Imolese), poi Reggio Emilia (22). Si registrano altri cinque decessi: una donna di Piacenza di 82 anni, due uomini di 69 e 94 anni di Parma, una donna di 59 anni di Reggio Emilia e un uomo di 66 anni di Bologna. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 40 (-2 rispetto a ieri), 320 quelli negli altri reparti Covid (-18). I casi attivi ad oggi oggi sono 15.019 (-31), oltre il 97% in isolamento a casa perché senza sintomi o comunque senza bisogno di cure ospedaliere.

Lazio

«Oggi nel Lazio su 11.355 tamponi molecolari e 11.127 tamponi antigenici per un totale di 22.482 tamponi, si registrano 194 nuovi casi positivi (-27) in calo rispetto a mercoledì 6 ottobre (-51), 4 i decessi (+1), 324 i ricoverati (-20), 49 le terapie intensive (+1) e 430 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è all'1,7%. I casi a Roma città sono a quota 76». Lo comunica in una nota l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, al termine della videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e l'ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Calabria

Sono 141, in calo rispetto a ieri quando erano 170, i nuovi positivi in Calabria, con 3.435 tamponi eseguiti e un tasso che dal 5,70 è sceso al 4,10%. Due i decessi, uno in provincia di Reggio e l'altro nel cosentino, che portano il totale delle vittime a 1.427. Scendono sotto quota cento i ricoveri nei reparti di cura, 92 (-9) mentre restano stabili quelli in terapia intensiva, 11. Si contano 175 guariti (81.006) e 36 attualmente positivi in meno (2.810). In isolamento domiciliare sono 2.707 (-27). In Calabria, ad oggi - secondo quanto emerge dai dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali della Regione Calabria - il totale dei tamponi eseguiti è di 1.230.397. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 85.243.

Basilicata

In Basilicata sono 17 i nuovi casi di contagio da Sars Cov-2 (16 riguardano residenti), su un totale di 710 tamponi molecolari, e si registra 1 decesso per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale della task force riferito alle ultime 24 ore. La persona deceduta risiedeva a Venosa. I lucani guariti o negativizzati sono 18. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 25 (-1) di cui nessuno in terapia intensiva mentre gli attuali positivi residenti in Basilicata sono in tutto 1.143 (-3). Per la vaccinazione, sono state effettuate 1.390 somministrazioni ieri. Finora 426.534 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (77,1 per cento del totale della popolazione residente) mentre 386.329 hanno completato il ciclo vaccinale (69,8 per cento), per un totale di 811.389 somministrazioni effettuate. Le percentuali più alte si registrano nella fascia di età 70-79 anni con il 97,1 per cento di prime dosi somministrate e con il 93,2 per cento di completamento del ciclo vaccinale.

Ultimo aggiornamento: 23:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA