Covid Liguria, la Procura di Genova verifica i dati mandati a Roma

Sabato 7 Novembre 2020
Covid Liguria, la Procura di Genova verifica i dati mandati a Roma

Covid Liguria, la Procura di Genova verifica i dati mandati a RomaAnche i dati trasmessi da Genova a Roma per la determinazione delle zone di rischio, con le relative misure per il contenimento del Coronavirus, finiscono sotto la lente della Procura di Genova. «Stiamo verificando cosa sia stato inviato al ministero della Salute - spiega una fonte investigativa - e se siano dati corrispondenti alla realtà del nostro territorio».

 

La Calabria rimane zona rossa

Zone rosse, gialle e arancioni: Regioni in ritardo, il pasticcio dei numeri inattendibili

 

 

Zona gialla

 

La Liguria lunedì è stata inserita in fascia gialla, quella a basso rischio. La procura nei giorni scorsi aveva aperto una inchiesta «conoscitiva», senza ipotesi di reato, dopo le immagini di pazienti in ambulanza in attesa per ore prima di essere visitati negli ospedali per verificare se un piano anti Covid è stato messo a punto nei tempi previsti.

 

Zone rosse, gialle e arancioni: Regioni in ritardo, il pasticcio dei numeri inattendibili

Il dubbio che si stesse scoperchiando il vaso di Pandora ha preso a diffondersi mercoledì mattina. Il 4 di novembre, mentre il Dpcm aveva ormai assunto una forma definitiva, i numeri che avrebbero dovuto alimentare l'algoritmo - la formula con i famosi 21 indici a cui è demandata la responsabilità di "colorare" l'Italia dividendola in fasce di rischio - tardavano ad arrivare.


 

 

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA