Cybersecurity, così gli hacker spiavano chi entrava: il picco nei mesi caldi di Berlusconi

ARTICOLI CORRELATI
di Valentino Di Giacomo

«I computer della Farnesina sono stati sotto attacco da parte degli hacker dal gennaio del 2013 fino all’agosto dello stesso anno». È quanto scrivono i tecnici di Kaspersky alla Farnesina nel rapporto di 35 pagine – di cui Il Mattino è in possesso – inviato al proprio committente il 2 settembre 2013. In realtà gli esperti della società russa riescono a individuare soltanto il momento in cui la manomissione degli apparati informatici del ministero viene scoperta, ma precisano che non è possibile stabilire con esattezza quando i pirati sono riusciti ad entrare negli archivi della Farnesina per rubare un’impressionante mole di dati, dossier e comunicazioni riservate. 
 

I «cervelloni» russi, una volta iniziata la propria analisi, procedono poi alla pulizia tra i file del ministero a partire dal 24 settembre del 2013. Ma intanto, in quei caldi giorni tra agosto e settembre di quell’anno, gli hacker continuavano la propria caccia all’interno dei computer della Farnesina. Cosa cercavano? «Non è possibile sapere tutto», scrivono gli esperti russi. C’è infatti una sorta di buco nero tra i server del ministero che dura per oltre sei mesi. «Purtroppo – ancora scrivono gli uomini di Kaspersky nel rapporto – il 16 gennaio un incidente ha impedito al sottosistema di log di funzionare e quindi non è stato prodotto alcun registro tra quella data e il 30 luglio». 

Gli hacker si concentrano su una data in particolare: l’11 settembre del 2013. A capo della Farnesina a quel tempo c’è la ministra Emma Bonino e in quei giorni in Italia non si parla d’altro che dei lavori della giunta per le Elezioni e le Immunità che deve pronunciarsi sulla decadenza di Silvio Berlusconi. L’ex premier decadrà dal Senato un mese dopo con il voto decisivo dell’aula di Palazzo Madama. I primi giorni di settembre invece sono i giorni delle trattative tra l’allora Pdl e il Pd che in quel momento sostenevano congiuntamente il governo di Enrico Letta insediatosi in Aprile. 
 

Nelle ricerche dell’11 settembre gli hacker sono alla ricerca dei file riguardanti gli «impegni internazionali» dell’Italia e dei «consigli e dossier» sull’integrazione europea. Quali rapporti c’era da scoprire in quel periodo tra la Farnesina e la Ue? Impossibile a sapersi.

Continua a leggere sul Mattino Digital
Lunedì 13 Febbraio 2017, 08:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP