Daniele Tanzi, ucciso dall'ex della fidanzata. Lei: «Lo lasciai perché mi picchiava. Lo sapevo che finiva così»

Giovedì 6 Maggio 2021
Daniele Tanzi, la fidanzata accusa l'ex: «Lo lasciai perché mi picchiava. Lo sapevo che finiva così»

Dopo la morte di Daniele Tanzi, il 18enne ucciso con 24 coltellate dall'ex della fidanzata, Patrick Mallardo, reo confesso, dalla ragazza arriva il racconto di quanto è accaduto sotto i suoi occhi. Alla Gazzetta di Parma la giovane 18enne, Maria Teresa Dromì, ha detto che Patrick la picchiava ed è per questo che la storia tra loro era finita. «Lo sapevo che sarebbe finita così», ha detto la ragazza.

Parma, il 18enne Daniele Tanzi ucciso in un ex mulino: arrestato l'ex della fidanzata, ha confessato

«Patrick ultimamente mi aveva detto che accettava il fatto di essere solo amici ma lo avevo lasciato perché mi aveva picchiata. Lo sapeva mia madre e lo sapevano anche i suoi genitori. Ero andata a convivere con loro e se n'erano accorti», il racconto choc di Maria Teresa al quotidiano parmense.

 

 

Il reo confesso dell'omicidio del ragazzo, avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì in un mulino abbandonato alle porte di Parma, era già stato segnalato alle forze dell'ordine per i suoi atteggiamenti violenti. «Tre volte sono andata a denunciare il suo comportamento ai carabinieri - spiega la mamma della ragazza, Morena Gallizzi - Aveva picchiato lei e mi aveva insultata nei modi peggiori. Sapeva tutto anche l'assistente sociale che ci segue e che conosceva tutta la storia di Maria Teresa», continua Mamma Morena, «e come al solito si va dentro solo quando una persona muore. Nessuno lo ha fermato prima. E noi lo avevamo detto che sarebbe finita così». 

Ultimo aggiornamento: 11:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA