Roma: accoltella il compagno durante un litigio in casa. La donna: «Mi stava picchiando, mi sono difesa»

Domenica 2 Agosto 2020 di Emilio Orlando
L' intervento della polizia
Quando i poliziotti sono arrivati nella casa a Roma dove era stato richiesto il loro intervento per una lite, la scena che si sono trovati era decisamente insolita. L'uomo che aveva composto il numero d'emergenza per chiedere aiuto, aveva un coltellaccio da cucina conficcato nella gamba. Gli schizzi di sangue sulle pareti e sul pavimento hanno subito confermato l'ipotesi che in quella casa c'era stata una lite violenta tra i due conviventi. Ad avere la peggio però, è stato il cinquantenne, convivente di una donna di quarantasei anni che si è difesa dalla furia dell'uomo accoltellandolo alla gamba.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti del commissariato la compagna del ferito lo avrebbe colpito con la lama appuntita e tagliente da un solo lato ferendolo al ginocchio. L'episodio è successo in zona Aurelio. La donna, per il momento è stata denunciata per lesioni gravi, ma la stessa ha dichiarato ai poliziotti che se non si fosse difesa utilizzando il coltello, il compagno violento l'avrebbe uccisa perché l'aveva afferrata per i capelli e gli stava sbattendo la testa per terra. Infatti era stata vittima più volte di percosse e lesioni da parte dell'uomo che ha precedenti penali contro la persona.

I rilievi della polizia scientifica, intervenuta nell'appartamento chiariranno alcuni aspetti ancora poco chiari legati alla vicenda. L'uomo è stato trasportato all'Aurelia Hospital. Ultimo aggiornamento: 19:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA