Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, donna accoltella fidanzato per gelosia: l'aggressione dentro un negozio

Domenica 12 Giugno 2022 di Alessia Marani
Litigano per gelosia dentro un negozio, lei lo colpisce con una bottiglia e poi lo accoltella

Per poco non lo ha ammazzato. Questa la reazione di una donna somala di 39 anni alla scoperta, vera o presunta, che il compagno, un connazionale, potesse averla tradita con un’altra donna. Del resto a suo dire le prove di una notte trascorsa altrove sarebbero state inequivocabili e tanto sarebbe bastato per scatenare la lite violenta finita a coltellate. La discussione è esplosa improvvisamente nella serata di venerdì all’interno di un minimarket non lontano da piazza Indipendenza.  

Le pattuglie dei carabinieri e l’equipaggio di una ambulanza erano stati chiamati per una accesa discussione in atto tra una coppia all’interno di un negozio, una discussione molto animata e finita per degenerare. E l’uomo ha avuto la peggio. I due, entrambi impegnati non solo sentimentalmente ma anche nella gestione dell’attività commerciale, hanno iniziato a litigare in presenza di alcuni clienti. Non sono volate, però, solo parole grosse e insulti irripetibili. La donna era fuori di sé, lui ha provato a difendersi. In pochi attimi è esploso il parapiglia. Lei, cieca per la gelosia, ha quindi cercato di afferrare qualsiasi cosa le capitasse per le mani, lanciandola contro al compagno che tentava di schivare i colpi. 

Nel corso dell’alterco, in particolare, la trentanovenne ha impugnato prima una bottiglia di vetro colpendo il compagno alla testa e poi, dopo aver recuperato un coltello dal banco, glielo ha puntato contro sferrando un fendente che lo ha ferito a una mano, provocandogli un taglio sul dito medio della mano sinistra.

Sul posto, allertati dalle persone presenti e da alcuni passanti attirati dalle urla e dai rumori, sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Roma Centro che hanno sedato la lite e identificato i presenti. L’uomo, coetaneo della compagna, è stato soccorso e poi portato dall’Ares 118 al pronto soccorso del Policlinico Umberto I dove è stato affidato alle cure dei sanitari, i quali hanno provveduto innanzitutto a suturare la ferita.

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto hanno dovuto faticare non poco per riportare la donna alla calma. I militari hanno cercato eventuali telecamere interne all’esercizio commerciale per comprendere meglio la dinamica dell’accaduto. Ma nessun impianto di videosorveglianza risulta installato all’interno. La coppia, dal canto suo, si è mostrata molto reticente sulle motivazioni che hanno generato la discussione, oltre alla gelosia potrebbero essersi aggiunte ragioni economiche o legate alla conduzione del negozio. 

In realtà nessuno dei due ha saputo finora delineare agli investigatori una spiegazione plausibile. «Stavamo parlando tra di noi e all’improvviso abbiamo iniziato a bisticciare. Lui mi ha fatto arrabbiare e io non ci ho visto più per la rabbia», si è limitata ad affermare lei presa a verbale. Per la trentanovenne è scattata la denuncia a piede libero per lesioni gravissime. Solo per un caso fortuito le condizioni del compagno non sono gravi, ma ha rischiato di perdere, quantomeno, un dito. Entrambi gli stranieri sono incensurati e in Italia da diverso tempo. Non hanno figli e la loro relazione sembrava consolidata nel tempo. 

Ultimo aggiornamento: 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA