Livigno, Ekaterina Talik esce per un giro in bici in montagna ma non torna: trovata morta in un dirupo dopo 4 giorni

Livigno, esce in bicicletta ma non torna: Ekaterina Talik trovata morta in un dirupo a 2mila metri
Livigno, esce in bicicletta ma non torna: Ekaterina Talik trovata morta in un dirupo a 2mila metri
Lunedì 12 Settembre 2022, 16:44 - Ultimo agg. 17:13
3 Minuti di Lettura

Era uscita per fare una passeggiata in montagna con la sua Mountain Bike, ma poi non era più tornata a casa. La 41enne Ekaterina Talik è stata trovata morta domenica 11 settembre dopo 4 girni di ricerche ai piedi di un dirupo nelle montagne di Livigno, al confine con la Svizzera. 

Paola Gallo Balma morta durante un'escursione in Valle d'Aosta: la fotografa aveva 41 anni

La bici trovata con catena e lucchetto  

Le forze dell'ordine stanno indagando sulle cause della morte. Le ricerche durate 4 giorni erano parite dall'unico indizio disponibile: la sua bicicletta era stata trovata giovedì legata con catena e lucchetto in una steccionata nella zona dell'Alpe di Vago. Da lì è possibile che la donna abbia percorso a piedi un sentiero e poi sia scivolta a causa di una caduta accidentale in un dirupo, forse mentre si stava arrampicando su una parete. La caduta e i 4 giorni al freddo non le avrebbero lasciato scampo. Il punto in cui è stata trovata è ai piedi di un dirupo, in località Piz Orsera, a 2.850 metri di quota al confine tra Italia e Svizzera. 

 

Ekaterina Talik, chi era la donna morta a Livigno

Ekaterina era una donna sportiva e usciva spesso anche da sola per praticare sport in montagna. Commessa in un negozio di abbigliamento, la 41enne russa era arrivata in Italia 6 mesi fa. viveva sola, per questo a dare l'allarme è stato il datore di lavoro, insospettito perchè non si era presentata e non rispondeva al telefono.    

Paolo Fiscato è morto, il 12enne era caduto in dirupo durante una gita in montagna con i genitori 8 giorni fa

© RIPRODUZIONE RISERVATA