Muore a 23 anni per un virus misterioso, era entrata in ospedale con febbre alta: il decesso in meno di un mese

Muore a 23 anni per un virus misterioso, era entrata in ospedale con febbre alta: il decesso in meno di un mese
Muore a 23 anni per un virus misterioso, era entrata in ospedale con febbre alta: il decesso in meno di un mese
Martedì 27 Settembre 2022, 19:53 - Ultimo agg. 28 Settembre, 09:09
3 Minuti di Lettura

Morta a 23 anni per un virus misterioso in meno di un mese. È il tragico destino di Elena Spironello, una ragazza «solare, sempre sorridente e con il desiderio innato di aiutare chi le viveva attorno»:  è morta domenica scorsa a in un letto dell’ospedale dell’Angelo di Mestre dov'era ricoverata. Strappata via troppo presto, e troppo velocemente all'affetto dei suoi cari.

Doppia pandemia, autunno a rischio infezione Covid e influenza. Andreoni: «Non c’è da stare tranquilli»

LA MALATTIA

Nelle prime settimane di settembre era stata colpita da febbre alta e dalla bronchite, è scaturita una polmonite batterica bilaterale. Poi un virus letale le avrebbe raggiunto il cervello dopo le due settimane di ricovero. 

IL DOLORE DELLA FAMIGLIA

La famiglia distrutta dal dolore ricorda il grande impegno della figlia negli ambiti parrocchiale e sociale: a fine agosto aveva partecipato al campo scuola di Rimini. Elena aveva già conseguito una laura triennale e stava frequentando il corso per la laurea magistrale sempre a Ca' Foscari. La famiglia è molto conosciuta: entrambi i genitori sono infatti insegnanti dell’Istituto Salesiano San Marco alla Gazzera di Mestre, il padre Carlo è un dirigente. Lascia anche due sorelle Arianna e Angela, e il fratello Fabio. Un lutto che coinvolge anche il liceo “Giuseppe Berto” di Mogliano, frequentato prima da Elena e ora da una sorella: «L’intera comunità scolastica si è stretta, con immenso cordoglio, attorno alla famiglia per la dolorosissima e prematura perdita di Elena, ragazza brillante ex studentessa di questo liceo». 

L'ADDIO

Il funerale di Elena si svolgerà giovedì 30, alle 15.30, all’aperto accanto alla chiesa parrocchiale di Gardigiano (o, in caso di maltempo, nella chiesa di Peseggia). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA